Passa ai contenuti principali

Diaz Non pulite questo sangue

La locandina del film ha una frase di Amnesty International, in cui dice la più grave sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale, già questa frase suona drammatica e tragica allo stesso tempo, non è facile parlare di Diaz, perchè racconta un atroce massacro della polizia a degli inermi e innocenti esseri umani che hanno scambiato per black block, ma qual'è la verità? Chi erano i black block? Non si tratta di un errore, si tratta di abuso di potere, delle forze dell'ordine contro degli esseri umani disarmati che sostavano alla Diaz per poter andare a casa l'indomani, il tutto è successo la sera dopo la manifestazione e i tumulti che hanno infiammato le strade quel giorno di luglio del 2001, in cui c'è stato il G8 a Genova.
La ricostruzione del massacro è agghiacciante, ti spezza il cuore, vedere tutti questi poliziotti che prendono i manganelli e entrano in quella scuola per fare una carneficina, ma fino a dove arriveranno? Non ci saranno colpevoli, non ci saranno punizioni, solo delle prove false e i ragazzi che hanno subito quella barbaria spietatamente fatti fuoriuscire dall'italia senza avere la possibilità di tornare in questo paese se eri straniero, per i poliziotti si è trattato di "errore umano" ERRORE UMANO? Ma fatemi il piacere si è trattata di un vero e proprio massacro cominciato con una bottiglietta tirata per sbaglio da alcuni ragazzi che forse in quella scuola non erano presenti, da quel semplice gesto si è arrivati a un massacro che di fatto ha cancellato i diritti democratici per una notte in italia, un fatto gravissimo che è stato sapientemente insabbiato dalle autorità, le stesse autorità che devono garantire democrazia, e rispetto per la legge.
Daniele Vicari narra la storia come fosse il documento di alcuni ragazzi che si trovavano durante le manifestazioni pacifiche, non quelle violente che hanno infiammato Genova in quei giorni, fattostà che a pagare sono sempre le persone che non centrano nulla, ma forse gli stessi black block si nascondevano nella polizia perchè non è possibile che non siano riusciti a trovarli e a massacrare gente che non centrava niente, disarmati, che non avevano nulla a che fare con gli scontri del G8.
Un film di denuncia incisivo che non vuole essere tenero, vuole raccontare tutto lo schifo che si nasconde nelle grandi manifestazioni ai tempi in cui al governo c'è un tipo come Berlusconi un fascista che con la scusa della democrazia ha illuso un intera nazione per i suoi scopi personali, e che credete come si comportano le forze dell'ordine quando il fascismo è al potere? Può essere chiamato con altri nomi, forza italia, popolo della libertà, etc etc...ma quando sostiene ideologie di stampo fascista non può essere chiamato in altro modo un partito, anche con un altro nome, sempre di fascismo si tratta.
Quando al potere c'è la destra ecco cosa succede, violenza, tumulti e insabbiamento, e me la chiamate democrazia?
Un film da non perdere, per riflettere fin dove può arrivare il potere.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

  1. per non dimenticare, magari vederlo in tutte le scuole superiori della Repubblica

    RispondiElimina
  2. Colpisce allo stomaco, ma è un pugno che doveva essere assestato. Per non dimenticare appunto. http://incentralperk.blogspot.it/2012/04/diaz-dont-clean-up-this-blood.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.