Passa ai contenuti principali

Reeker - Tra la vita e la morte

Un film che non aggiunge nulla agli Horror come li definisco io, protagonisti sono un gruppo di adolescenti idioti, che si incappano in un maniaco che li sbudella, beeene, e qui? Cosa c'è di tanto innovativo? Il film è pieno di clichè e stereotipi che sembra la brutta copia di non entrate in quella casa aggiornato e "corretto" per modo di dire e pensato per i teenager in astinenza da horror come si deve, anche se devo dire che i trucchi sono ben fatti, ma  è troppo poco per definirlo un horror nel vero senso della parola, le stesse scene sono fini a se stesse, di una violenza gratuita e immotiviata, vabbè immotivata nel senso che la trama è imprevedibile, e il film fa acqua da tutte le parti, ci sono dialoghi stupidi che non vanno mai a fondo della storia, nè si capisce chi si nasconde dietro la maschera del killer che poi li fa fuori tutti quanti sbudellandoli.
C'è troppa confusione e troppa carne al fuoco, il tutto diretto in maniera incoerente da un autore che incapace di tessere i fili della trama ed arrivare al punto, si concentra di più sugli effetti e le scene gore dimenticando la cosa più importante, costruire una storia, che è fondamentale per carpirne l'ingranaggio della storia, e questo ha ammazzato un film che poteva sicuramente essere migliore, Dave Payne, l'autore è incapace di tenere alta l'attenzione dello spettatore imbastendo la trama e collegandola con un filo diretto tra il film e gli spettatori, che si trovano davanti a uno spettacolo agghiacciante di scene gore senza mai svolgere un climax e capire il perchè di questo orrore, come succede con questi giovani autori horror, tirano sempre la pietra e poi la nascondono, perchè? Perchè non andare fino in fondo e fare un horror degno di nota? Così ci troviamo davanti al solito horror demenziale che invece di spaventare annoia e disgusta, io non capisco perchè sprecano soldi in film in cui non si è capaci di andare fino in fondo, o meglio non si è capaci di spaventare, almeno Tob Hooper con il suo non aprite quella porta faceva capire chi erano gli assassini, invece qui non si capisce un tubo, ci sono un gruppo di sfigati che salterebbero in aria anche con uno starnuto e c'è un killer senza identità che li fa secchi tutti quanti, ah ora ho capito, i protagonisti sono talmente stupidi che si è pensato bene di eliminarli in modo che il killer fosse l'unico eroe del film, ed in effetti sono talmente logorroici che viene facile anche per gli spettatori volere la loro eliminazione, un film prevedibile con una trama già riproposta in altri film meglio riusciti di questo che a differenza fa annoiare, in sostanza un opera evitabile.
Peccato.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.