Passa ai contenuti principali

Cowgirl - Il nuovo sesso

Presentato a Venezia dove non ha suscitato pareri lodevoli, uscito qualche anno dopo sforbiciato, è uno dei film più icompresi di Van Sant, in cui si trova per la prima volta a decidere di scendere a compromessi, è un opera il cui fine principale è l'ultimo saluto di Van Sant all'amico River Phoenix scomparso proprio l'anno in cui il film avrebbe dovuto vedere la luce, l'origine letteraria non migliora certo le cose, eppure io non voglio essere severa con questo film, che dappertutto ha sempre critiche piuttosto severe, altre acide, comunque, non è la prima volta che lo vedo, e sicuramente lo vedrò anche altre volte, cosa ne penso io? Il film non mi è dispiaciuto, c'è un cast di attori tra cui Rain Phoenix, sorella di River, che ora suona in una sua band, e questo film segna una delle poche incursioni della sua carriera cinematografica, precocemente abbandonata per amore della musica, poi ci sono Sean Young, in un piccolo ruolo che è quasi un cameo, Keanu Reeves, Loraine Bracco e tanti altri.
E' un film che per apprezzarlo forse è meglio che ti distacchi dal libro, che ovviamente non ho letto, e che molti considerano l'opera minore di Van Sant, e non è detto che lo sia, sicuramente dato il tempo passato alcune persone lo considerano datato, altri lo considerano un cult, altri ancora un opera altalenante e via dicendo, è sicuramente un film che ha diviso sia la critica che il pubblico, però sinceramente parlando dopo la visione di oggi mi sono accorta che è un film bizzarro, complesso, che bisogna capire prima di tutto e prenderlo per quello che è, non è certo un opera da guardare per intrattenimento e che forse con il tempo acquisterà valore (d'altronde anche la versione cinematografica di twin peaks ha avuto critiche feroci ma con il tempo è stato rivalutato come un cult movie e tra i  migliori film di Lynch), come tutte le opere complesse è il tempo ad avere l'ultima parola. E' un film da rivalutare, perchè racconta di ideali, di femminismo, di lesbismo e di omosessualità, che sono sempre stati temi centrali nel cinema di Van Sant, visti e letti in maniera originale e per nulla banale, il film non è certo un capolavoro ma si fa guardare bene, nonostante siano passati 19 anni, è bello constatare inoltre che molti attori che hanno lavorato a questo film, se non tutti conoscevano River Phoenix, e che lo stesso River abbia collaborato prima della sua morte, raccontato da un amica fan di River Phoenix, che mi ha illuminata su questo film e mi ha detto di guardarlo sotto una diversa ottica.
CULT.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.