Passa ai contenuti principali

Capodanno a New York

Nella notte dell'ultimo dell'anno qualsiasi cosa può accadere, anche che la luce che per l'occasione sale su dall'empire state building non funziona, e molte storie si incrociano tra loro, un modo diverso di raccontare l'amore, diretto da un Garry Marshall in forma seppur non smagliante, dimostra di saper raccontare storie, anche se si tratta di farlo in occasione dell'arrivo dell'anno nuovo, ok forse questa rece è fuori tempo ma che importa, si doveva fare e la faccio stop!
Un cast stellare per un film piacevole, che sinceramente non stanca mai, e che diverte, e questo è un punto a suo favore, poi raccontare l'amore durante l'ultimo dell'anno è un occasione in più per essere romantici e buttare giù qualche lacrimuccia, specialmente per noi femminucce, si si, lo sappiamo benissimo che ci piace sognare e piangere al cinema, anche se non si piange a dirotto sicuramente qualche lacrimuccia l'avete sentita nel vostro bel faccino no? Poi anche se Marshall non è un esperto in cinema di fazzoletti, è sicuramente un esperto in commedie romantiche, dopotutto stiamo parlando dell'autore di Pretty Woman, autentico cult movie che ha lanciato la stella di Julia Roberts, il film è simile a quello stile ma è più incentrata sulle storie di diversi personaggi, un opera corale che riesce a intrigare e a divertire, beh è un occasione per vederlo la sera dell'ultimo dell'anno prima che arrivi la mezzanotte, ovvio, altrimenti ci facciamo brutta figura, oppure da vedere il giorno di capodanno, tanto per augurarsi un buon anno e sperare nell'arrivo dell'anima gemella.
Un film discreto e piacevole, che di questi tempi non guasta mai, e nel grande calderone di uscite più o meno apprezzabile, riesce ad essere pregievole, in mezzo a tanti filmetti anche poco meritevoli di essere visti, che dire, se amate le storie romantiche, fa per voi, anche perchè non è smielato o zuccheroso tipo i film con Meg Ryan, e ha le carte in regola per piacere  a un grande pubblico, in barba dei soliti filmetti usa e getta, è un film per tutti che riesce ad essere piacevole e divertente, che altro dire se non andate a vederlo? Ovviamente la notte di capodanno, sempre se volete!!!!
APPETITOSO.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.