Passa ai contenuti principali

50e50

Viaggio nella malattia per Adam, che si ritrova la vita drasticamente cambiata, dopo la scoperta di avere un cancro, il ragazzo comincia a vivere in uno stato di passiva accettazione, che nessuno, nè il suo migliore amico, nè la terapeuta che lo segue e nemmeno la fidanzata che lo tradisce, riescono a dargli una smossa alla sua vita, all'inizio per  la terapeuta, sarà difficile smorzare il ragazzo dalla sua passiva accettazione, e forse piano piano riuscirà a far cadere mattone dopo mattone la fortezza che si è costruito intorno, quando il suo migliore amico, che sarà per lui una guida e cerca di tenerlo su di morale nonostante tutto, scopre la fidanzata con un altro, sarà la svolta per Adam di leggersi dentro e cercare di tirarsi su.
Non è facile parlare di un fatto tragico come la malattia del cancro, e farne una commedia intelligente, che evita i facili sentimentalismi e le lacrime, ma che si concentra sulla vita di un essere umano, che si vede la vita drasticamente cambiata, tra chemio, terapia e tante altre cose, rinchiudendosi a riccio, non esprimendo i suoi sentimenti, saranno la terapista e il migliore amico a fargli rendere conto dell'errore commesso, è un film sulla solidarietà, sulla paura, sul silenzio, per esorcizzare la morte, la cosa curiosa è che Levin sia riuscito a far sorridere il pubblico è un vantaggio, che molte pellicole che trattano lo stesso tema evitano a priori, e invece no, in questo film sembra la mossa vincente, e sottolinea lo stato di tristezza verso il passaggio come un viaggio attraverso se stessi, e tutto ciò che ci circondava, che non lo si vede più come prima, e trattare questi temi con ironia in maniera schietta e sincera e già un vantaggio.
Ma diciamolo subito, la pellicola è intrigante, e fa riflettere, sulla natura dei rapporti quando avviene il dramma di una malattia, sottolineando la psicologia e i relativi punti  di vista dei personaggi, tra le scene migliori c'è lo scontro tra Adam e la sua ragazza, e gli sforzi dell'amico per dargli speranza e fargli vivere la vita per come è con semplicità, e anche gli scontri con la terapeuta, che si rivelerà più umana di tante persone, e chissà magari nascerà anche una storia tra loro.
In conclusione, un film sincero, senza fronzoli, capace di sensibilizzare e di far sorridere, perchè in fondo la vita va avanti, nonostante tutto, e bisogna prendere le occasioni che ci da, anche se di mezzo c'è una malattia grave. Bravissimi Seth Rogen e Joseph Gordon Levitt, altrettanto brave Anna Kendrick la terapista, e Bryce Dallas Howard, nel ruolo della cinica fidanzata.
APPETITOSO.





Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.