Passa ai contenuti principali

50e50

Viaggio nella malattia per Adam, che si ritrova la vita drasticamente cambiata, dopo la scoperta di avere un cancro, il ragazzo comincia a vivere in uno stato di passiva accettazione, che nessuno, nè il suo migliore amico, nè la terapeuta che lo segue e nemmeno la fidanzata che lo tradisce, riescono a dargli una smossa alla sua vita, all'inizio per  la terapeuta, sarà difficile smorzare il ragazzo dalla sua passiva accettazione, e forse piano piano riuscirà a far cadere mattone dopo mattone la fortezza che si è costruito intorno, quando il suo migliore amico, che sarà per lui una guida e cerca di tenerlo su di morale nonostante tutto, scopre la fidanzata con un altro, sarà la svolta per Adam di leggersi dentro e cercare di tirarsi su.
Non è facile parlare di un fatto tragico come la malattia del cancro, e farne una commedia intelligente, che evita i facili sentimentalismi e le lacrime, ma che si concentra sulla vita di un essere umano, che si vede la vita drasticamente cambiata, tra chemio, terapia e tante altre cose, rinchiudendosi a riccio, non esprimendo i suoi sentimenti, saranno la terapista e il migliore amico a fargli rendere conto dell'errore commesso, è un film sulla solidarietà, sulla paura, sul silenzio, per esorcizzare la morte, la cosa curiosa è che Levin sia riuscito a far sorridere il pubblico è un vantaggio, che molte pellicole che trattano lo stesso tema evitano a priori, e invece no, in questo film sembra la mossa vincente, e sottolinea lo stato di tristezza verso il passaggio come un viaggio attraverso se stessi, e tutto ciò che ci circondava, che non lo si vede più come prima, e trattare questi temi con ironia in maniera schietta e sincera e già un vantaggio.
Ma diciamolo subito, la pellicola è intrigante, e fa riflettere, sulla natura dei rapporti quando avviene il dramma di una malattia, sottolineando la psicologia e i relativi punti  di vista dei personaggi, tra le scene migliori c'è lo scontro tra Adam e la sua ragazza, e gli sforzi dell'amico per dargli speranza e fargli vivere la vita per come è con semplicità, e anche gli scontri con la terapeuta, che si rivelerà più umana di tante persone, e chissà magari nascerà anche una storia tra loro.
In conclusione, un film sincero, senza fronzoli, capace di sensibilizzare e di far sorridere, perchè in fondo la vita va avanti, nonostante tutto, e bisogna prendere le occasioni che ci da, anche se di mezzo c'è una malattia grave. Bravissimi Seth Rogen e Joseph Gordon Levitt, altrettanto brave Anna Kendrick la terapista, e Bryce Dallas Howard, nel ruolo della cinica fidanzata.
APPETITOSO.





Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.