50e50

Viaggio nella malattia per Adam, che si ritrova la vita drasticamente cambiata, dopo la scoperta di avere un cancro, il ragazzo comincia a vivere in uno stato di passiva accettazione, che nessuno, nè il suo migliore amico, nè la terapeuta che lo segue e nemmeno la fidanzata che lo tradisce, riescono a dargli una smossa alla sua vita, all'inizio per  la terapeuta, sarà difficile smorzare il ragazzo dalla sua passiva accettazione, e forse piano piano riuscirà a far cadere mattone dopo mattone la fortezza che si è costruito intorno, quando il suo migliore amico, che sarà per lui una guida e cerca di tenerlo su di morale nonostante tutto, scopre la fidanzata con un altro, sarà la svolta per Adam di leggersi dentro e cercare di tirarsi su.
Non è facile parlare di un fatto tragico come la malattia del cancro, e farne una commedia intelligente, che evita i facili sentimentalismi e le lacrime, ma che si concentra sulla vita di un essere umano, che si vede la vita drasticamente cambiata, tra chemio, terapia e tante altre cose, rinchiudendosi a riccio, non esprimendo i suoi sentimenti, saranno la terapista e il migliore amico a fargli rendere conto dell'errore commesso, è un film sulla solidarietà, sulla paura, sul silenzio, per esorcizzare la morte, la cosa curiosa è che Levin sia riuscito a far sorridere il pubblico è un vantaggio, che molte pellicole che trattano lo stesso tema evitano a priori, e invece no, in questo film sembra la mossa vincente, e sottolinea lo stato di tristezza verso il passaggio come un viaggio attraverso se stessi, e tutto ciò che ci circondava, che non lo si vede più come prima, e trattare questi temi con ironia in maniera schietta e sincera e già un vantaggio.
Ma diciamolo subito, la pellicola è intrigante, e fa riflettere, sulla natura dei rapporti quando avviene il dramma di una malattia, sottolineando la psicologia e i relativi punti  di vista dei personaggi, tra le scene migliori c'è lo scontro tra Adam e la sua ragazza, e gli sforzi dell'amico per dargli speranza e fargli vivere la vita per come è con semplicità, e anche gli scontri con la terapeuta, che si rivelerà più umana di tante persone, e chissà magari nascerà anche una storia tra loro.
In conclusione, un film sincero, senza fronzoli, capace di sensibilizzare e di far sorridere, perchè in fondo la vita va avanti, nonostante tutto, e bisogna prendere le occasioni che ci da, anche se di mezzo c'è una malattia grave. Bravissimi Seth Rogen e Joseph Gordon Levitt, altrettanto brave Anna Kendrick la terapista, e Bryce Dallas Howard, nel ruolo della cinica fidanzata.
APPETITOSO.





Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD