Passa ai contenuti principali

About me

Sono Arwen Lynch, l'autrice del blog, ma il mio vero nome è Laura Bisanti, sono siciliana, e da sempre sono un amante delle arti, soprattutto, musica e cinema, che  mi hanno accompagnato nella mia vita, la passione per il cinema è nata praticamente quando avevo 13 anni, per caso, vidi mio fratello che guardava dei trailers in tv, da lì ho iniziato a vedere di tutto, da guerre stellari, a la febbre del sabato sera, da Grease a Gosthbuster e via dicendo, la cinefilia vera e propria è cominciata appena ho comprato il videoregistratore e ho potuto finalmente approfondire e iniziare il primo percorso di maturazione che è cominciato con David Lynch, grazie a Twin Peaks, ma, approfittando di ciò ho potuto anche approfondire Tim Burton, conosciuto grazie a Prince, vero e proprio idolo musicale della mia adolescenza, perchè non seguire anche Tim? Da lì poi ho continuato Coppola, Scorsese, Woody Allen, Branagh, la maturità cinefila comincia verso la fine degli anni novanta, con la scoperta di Stanley Kubrick, da lì è iniziata una vera e propria ossessione per il cinema, ho visto praticamente di tutto, grazie a Lynch ho iniziato praticamente ad amare il cinema di genere, che ho potuto approfondire ultimamente scoprendo altri autori che mi hanno folgorata, nel 2008 ho aperto il blog la fabbrica dei sogni su splinder, ora chiuso, ma poi mi sono trasferita su blogger, sempre lo stesso anno, dove il percorso ha continuato in un primo momento recensendo i film che più mi colpivano, anche perchè avendo un forum di cinema il tempo a disposizione era molto poco, appena ho chiuso il forum, mi sono buttata anima e corpo a curare il blog, adesso i miei registi preferiti oltre a quelli citati  sono loro
Pedro Almodovar, Orson Wells, Federico Fellini, Ingmar Bergman, Luis Bunuel, John Carpenter, Dario Argento, David Cronenberg, Brian De Palma, Quentin Tarantino, Vittorio De Sica, François Truffaut, Jean-Luc Godard, Billy Wilder, Alfred Hitchcock, Luchino Visconti, Clint Eastwood, Sofia Coppola, Lars Von Trier, Jane Campion, Wim Wenders, Blake Edwards, Neil Jordan, Roman Polanski, Steven Spielberg, Joen e Ethan Coen, Paul Thomas Anderson, Charlie Chaplin, Michelangelo Antonioni, Krzysztof kieslowski, John Cassavetes, Terry Gilliam, Guillermo del Toro, M Night Shyamalan, Spike Lee, Gus Van Sant, Bong Joon-ho, Kathryn Bigelow, David Fincher, George Andrew Romero, Lucio Fulci.

Un bel numero di autori, che costituiscono la mia storia di cinefila. Per ogni regista c'è un percorso diverso: alcuni li ho scoperti grazie alle rassegne della fabbrica, altri li ho scoperti dagli amici bloggers che con le loro recensioni stuzzicano la mia curiosità.  A volte io seguo il mio fiuto che raramente sbaglia. Di certo per ogni autore che inizio a seguire c'è un film con cui comincio; poi seguono a ruota gli altri film: tra ricerche,online e letture a siti dedicati, oppure recensioni dei film varie. La cinefilia è una passione che si coltiva e col tempo matura. Il bello di questa passione appunto è la condivisione con altri cinefili, il condividere lo scambio culturale sulla settima arte è un arricchimento, in cui impari tante cose. Ogni cinefilo ha le sue lacune, che vengono colmate non appena si conoscono altri cinefili, per questo non sopporto gli studenti di cinema, persone che sventolano un titolo di studio vantandosi, e non dimostrando nessun tipo di cultura, non è così che si ama il cinema.
Scusate se non ho messo la foto, se la volete vedere sta nel mio profilo facebook che troverete nella pagina dei contatti, la foto che vedete è quella di Liv Tyler la Arwen del film il signore degli anelli, uno dei miei preferiti in assoluto, da cui ho preso il mio nick, beh la seconda parte sapete da dove arriva no? Non c'è bisogno che ve lo spieghi, come? Non lo sapete??? Ok, ok, è presa da David Lynch, primo regista preferito beh d'altronde il percorso di maturazione è iniziato con lui no?

Commenti

  1. Complimenti(ssimi) per il blog! E' veramente bello! brava! Ho visto che hai raggiunto i 5 anni "di attività"...Continua così! Dopotutto da una che si è innamorata del cinema grazie a Lynch c'è solo da aspettarsi buone cose...;-)

    RispondiElimina
  2. felice d' averti trovata!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.