Passa ai contenuti principali

Woody Allen Week - Match Point

 

Siamo giunti alla fine della bellissima settimana dedicata a uno dei miei registi preferiti, che, ve lo dico subito, me lo ha fatto apprezzare ancora di più.
Ma, non finisce mica qui, ho in mente di dedicare uno speciale a Woody, in modo da recensire tutti i suoi film, e sarà un grandissimo lavoro, ma ne vale la pena decisamente.
Con Match Point, Allen, torna al successo di pubblico dopo anni di crisi, di film che sono stati insuccessi al botteghino, come sapete in tutte le sue storie nulla è lasciato in sospeso.
Match Point è anche un film che porta alle estreme conseguenze un discorso cominciato con Crimini e Misfatti, dove si limitava a dirigere una commedia nera; qui invece siamo dalle parti di un film drammatico, in cui l'antieroe della storia, ovvero Chris Wilton sposa per interesse una giovane donna, e per fare la bella vita, con una vita agiata, un lavoro che rende un mare di soldi.
A complicare la situazione arriva Nola con cui scatta da subito una passione viscerale, se in un primo tempo lei è fidanzata con il cognato di Chris, nonchè fratello di Chloe sua moglie, appena i due si lasciano comincia una relazione travolgente.
Mentre nel matrimonio si adatta a una vita ipocrita, lui segretamente vuole vivere la passione con Nola, per un po' accade questo, ma quando lei rimane incinta, non ne vuole sapere di abortire o interrompere la relazione, vuole che lasci sua moglie per lei.
Un bel problema per Chris, che si trova a un bivio, lasciare la moglie e rinunciare ai privilegi, o mollare Nola rischiando che la verità venga a galla?
Lui si allontana da Nola con la scusa di un viaggio, quando la donna capisce di essere stata ingannata, minaccia di dirlo alla moglie, allora c'è solo un unica soluzione per Chris di risolvere la situazione, uccidere Nola.
Chris è un antieroe che non vuole rinunciare al suo status sociale, vuole avere tutti i privilegi che ha con sua moglie, e non vuole rinunciare al suo lavoro nella compagnia del suocero.
Woody Allen stavolta fa un ritratto spietato dell'alta borghesia, e non ci sono risate, non ci sono scene tenere e divertenti, ma una critica al vetriolo sull'umanità che rinuncia ad essere se stessa, ispirandosi ovviamente a Delitto e Castigo di Dostojewsky tesse una trama a dir poco nera e inquietante.
Non c'è posto per i sentimenti nella storia di Match Point.
Woody Allen dirige un film duro e pessimista, narrando di come l'ambizione, l'avidità, e l'appartenenza a una casta valgono per certe persone più dei sentimenti, e lo fa in maniera lucida e brillante.
Bentornato Woody.
Ps: Woody Allen tornerà ve lo prometto, forse il mese prossimo con un altra settimana a lui dedicata, devo decidere.






Commenti

Post popolari in questo blog

Il Collezionista di Carte

 Una produzione targata Martin Scorsese , da sempre amico e collaboratore di Paul Schrader , che gli ha scritto diversi film, stavolta tornano insieme il primo come produttore esecutivo, il secondo come regista, per un film che narra le gesta di un giocatore di poker dal passato oscuro, mi sarà piaciuto?

The OA

 Alla fine ce l'ho fatta, sembrava una serie pallosa, ma è tutt'altro che pallosa, appena ho cominciato a vederla nel lettore e in tv non sono riuscita a smettere, e gli episodi restanti che dovevo vedere alla fine li ho visti tutti d'un fiato, vi sembra strano? Assolutamente no, restate con me per intraprendere un viaggio incredibile con una delle serie migliori di quest'anno.

The Spooky Season - I consigli Horror di zio Tibia

 Ciao zombetti, Arwen deve avermi ascoltato, sono qui alla fabbrica per invitarvi a seguire i miei consigli horror per la Spooky Season. E ci sarà anche la settimana horror alla fabbrica, Arwen mi ha detto che mi darà spazio, e faremo le recensioni doppie, io con il mio punto di vista e lei con il suo, che cara... Intanto cliccate sul link  click  dove vi consiglio Nightbooks racconti di Paura, ma questo è solo il primo film, ce ne saranno altri ancora. Un abbraccio zombetti dal vostro caro zio tibia.