Passa ai contenuti principali

A Grande Richiesta

Ehy, si, dico a te...
Come lo zio sam ti dico I WANT U
Ma per cosa?
Vorresti vedere una recensione a richiesta alla fabbrica dei sogni?
Che aspetti allora? Armati di ingegno e fantasia e fai la tua richiesta ad Arwen, che cercherà in tutti i modi possibili di accontentarti, ma attenzione  a non richiedere un film già recensito, sbircia nell'archivio delle recensioni, o se non ce la fai chiedi pure ad Arwen che ti confermerà + o - se il film da te richiesto è stato recensito e te lo linka, non c'è problema, e se il film non c'è?
Lo guarda, e te lo recensisce in un battibaleno, ovviamente ogni settimana come ogni buona rubrica che si rispetti. ovviamente sarà un film a settimana ok?
Vi piace questa iniziativa? La fabbrica dei sogni vuole crescere bene, e per farlo ha bisogno di te, come lo zio Quentin fa notare a voi tutti amici che seguite questo fantastico blog, vi piace l'idea?
Ooookay, allora largo alle richieste, e non fate complimenti...
Ps: Evitate cinepanettoni, e reality horror, perchè ad Arwen non piacciono proprio ok? xD
Detto questo largo alle richieste!!!
Buon Divertimento :)

Commenti

  1. Ultimamente è tornato alla ribalta il buon Kevin Costner... Sì vabbè, con la pubblicità del tonno. Ma a giugno uscirà un film diretto da McG, su sceneggiatura e soggetto scritti da Luc Besson: 3 days to kill (l'ho già visto, ma non esprimo giudizi, per lasciarti -vi la curiosità di vederlo). Ebbene, che ne diresti di recensire un bel film di più di 20 anni fa (1993) diretto da Clint Eastwood che vede proprio Costner protagonista? Un mondo perfetto.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. 2009 di Daniele Gangemi con Corrado Fortuna e Alessandro Haber, ambientato a Catania, narra le vicessitudini di uno studentesso universitario

      Elimina
    2. si ho visto, è già al lavoro sul mulo :D

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.

Ciclo Horror Stories - The Midnight Man

Da questo The Midnight man poteva nascere qualcosa di pazzesco, e avevo ragione durante la settimanale rubrica delle uscite cinematografiche a storcere il naso.
Innanzitutto è bene precisare che nonostante abbia messo il film negli scult, per il motivo per cui il soggetto presentato non era poi il massimo dell'originalità, e fin qui ci siamo, nonostante questo ho comunque voluto dare una chance a questo film, che, sebbene abbia delle atmosfere lugubri e ogni tanto ci scappa persino lo jump scares, il film si presenta come se qualcosa di incredibile dovrebbe presentarsi ma si sgonfia subito, anche perché il regista presenta situazioni banali, allunga il sugo della salsa senza concentrarsi su quello che fa di un horror un grande horror, o quanto meno anche un buon horror...andare al dunque.