Passa ai contenuti principali

A Grande Richiesta

Ehy, si, dico a te...
Come lo zio sam ti dico I WANT U
Ma per cosa?
Vorresti vedere una recensione a richiesta alla fabbrica dei sogni?
Che aspetti allora? Armati di ingegno e fantasia e fai la tua richiesta ad Arwen, che cercherà in tutti i modi possibili di accontentarti, ma attenzione  a non richiedere un film già recensito, sbircia nell'archivio delle recensioni, o se non ce la fai chiedi pure ad Arwen che ti confermerà + o - se il film da te richiesto è stato recensito e te lo linka, non c'è problema, e se il film non c'è?
Lo guarda, e te lo recensisce in un battibaleno, ovviamente ogni settimana come ogni buona rubrica che si rispetti. ovviamente sarà un film a settimana ok?
Vi piace questa iniziativa? La fabbrica dei sogni vuole crescere bene, e per farlo ha bisogno di te, come lo zio Quentin fa notare a voi tutti amici che seguite questo fantastico blog, vi piace l'idea?
Ooookay, allora largo alle richieste, e non fate complimenti...
Ps: Evitate cinepanettoni, e reality horror, perchè ad Arwen non piacciono proprio ok? xD
Detto questo largo alle richieste!!!
Buon Divertimento :)

Commenti

  1. Ultimamente è tornato alla ribalta il buon Kevin Costner... Sì vabbè, con la pubblicità del tonno. Ma a giugno uscirà un film diretto da McG, su sceneggiatura e soggetto scritti da Luc Besson: 3 days to kill (l'ho già visto, ma non esprimo giudizi, per lasciarti -vi la curiosità di vederlo). Ebbene, che ne diresti di recensire un bel film di più di 20 anni fa (1993) diretto da Clint Eastwood che vede proprio Costner protagonista? Un mondo perfetto.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. 2009 di Daniele Gangemi con Corrado Fortuna e Alessandro Haber, ambientato a Catania, narra le vicessitudini di uno studentesso universitario

      Elimina
    2. si ho visto, è già al lavoro sul mulo :D

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…