Passa ai contenuti principali

Arma Letale 3

Terzo capitolo del franchise a metà strada tra il poliziesco e l'action con protagonisti Mel Gibson e Denny Glover, nei rispettivi ruoli di Riggs e Mortaugh.
Il secondo dovrebbe andare in pensione, ma si da il caso che una serie di coincidenze, lo convincono a ritardare per così dire il suo pensionamento è lo stesso Riggs, che si è affezionato a lui e alla sua famiglia, e non vuole restare solo senza un compagno di cui non si fida.

Credete che l'azione dei nostri due eroi sia finita qui?
Intanto ritorna il petulante Leo Getz con l'aggiunta di una agente degli affari interni abilissima nelle arti marziali, che spacca in due i malviventi, che si unirà alla banda dei tre aficionados per smantellare una banda di trafficanti di droga, che usa i ragazzi di colore per i loro traffici.
In pratica la trama della terza puntata delle avventure di Riggs e Mourtaugh è questa, e non mancano neanche in questo capitolo avventura, action e divertimento.
Un bel film pane e salame, ricco di divertimento che riesce nonostante il terzo capitolo, a mantenere alta la qualità della serie.
Uscito nel '92 ha anche una soundtrack da urlo, comincia Sting con It's probably me, e finiscono Eric Clapton e Elton John con Runaway train.
Ma non è solo la soundtrack il motivo giusto per vederlo, ma l'insieme che rendono la trama, i personaggi, l'azione, lo smascheramento dei colpevoli, a farne un franchise che ormai a casa Lynch è diventato un cult, vi dirò che certamente questa non sarà la prima volta che lo vedrò
Comunque sia anche questo terzo capitolo non perde il suo appeal, e poi diciamolo questi sbirri un po' sopra le righe ormai mi stanno simpatici, gli voglio bene, in questi giorni cercherò di vedere anche l'ultimo capitolo per completarlo la settimana prossima con le recensioni qui alla fabbrica.
Intanto non perdetevi questa serie perché è veramente supermegagalattica, e se ve lo dico io che solitamente metto i cosidetti franchise, da parte, come film da vedere per staccare tra un film impegnato e l'altro, ci dovete credere.
Perché? Perché decisamente Arma Letale, non è certamente una serie da usare come stacco, ma come uno dei cult che certamente non si dimenticano facilmente.
Parola di scout.
Voto: 7



Commenti

  1. Inizia a sentirsi la mancanza di Shane Black, l'intreccio è più facilone, ma in ogni caso voglio bene a questo capitolo, alcune delle scene che preferisco di questa serie sono proprio qui, tipo Riggs contro il cagnolone, oppure il diverbio in acqua tra i protagonisti ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scopro adesso che questo Shane Black è lo sceneggiatore dei primi due arma letale...beh è comunque una serie cult, c'è poco da fare. Anche questo terzo capitolo è un buon film però ^_^

      Elimina
  2. Questo è probabilmente il più trash e il meno "dinamico", ma è pur sempre un ottimo seguito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trash non direi, ma è pur sempre una gran figata ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.