Passa ai contenuti principali

Ciclo Horror Stories - Halloween Ediction - Cult of Chucky

Conosco la serie di Chucky, ma fino ad ora non ho visto nessun film.
Così ho deciso adesso di vedere l'ultimo uscito per l'occasione di halloween e recensirlo alla fabbrica, forse, in seguito vedrò e recensirò gli altri della serie.

Dunque, cosa penso di questo film? Innanzitutto devo dire che l'ho trovato agghiacciante, e alcune scene sono da pelle d'oca.
Questa bambolina sembra innoqua ma non lo è, e in quell'ospedale psichiatrico ne uccide un bel po' di persone.
Durante la visione mi sono stupita di come questa bambola tanto dolce e carina, si trasformi in un mostro assassino assetato di sangue.
Lo devo dire...fa paura.
Certo non è un capolavoro, ha anche un po' di difettucci, come certe scene sono verosimili, e troppo fuori dalla realtà, anche per il finale diciamo che non ci ha azzeccato proprio nulla.
Ma resta un buon horror per il semplice motivo che riesce a intrattenere e soprattutto divertire.
Nonostante questa bambola faccia un po' di paura.
C'è anche Jennifer Tilly in un ruolo di dark lady malefica in cui recita molto bene e riesce a sorprendere grazie alla sua presenza scenica, come anche la protagonista Fiona Dourif, spero di vederla in qualche altro film perchè in questo mi ha convinta molto.
Chucky secondo me è una storia che non ha una fine precisa, anche perchè il finale di questo film resta apertissimo a un nuovo seguito, che spero di vedere insieme a tutti gli altri film della serie.
Finisce oggi lo speciale di halloween del ciclo horror stories, ma la prossima settimana ci sarà uno speciale di lunedì dedicato al regista scomparso Tobe Hooper, special dei ragazzi del blog FICA dove rendiamo omaggio per ora agli attori e registi scomparsi.
Film scelto il custode, e martedì continuerà regolarmente come ogni settimana.
Alla prossima amici horrorofili della fabbrica dei sogni.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.

Ciclo Horror Stories - The Midnight Man

Da questo The Midnight man poteva nascere qualcosa di pazzesco, e avevo ragione durante la settimanale rubrica delle uscite cinematografiche a storcere il naso.
Innanzitutto è bene precisare che nonostante abbia messo il film negli scult, per il motivo per cui il soggetto presentato non era poi il massimo dell'originalità, e fin qui ci siamo, nonostante questo ho comunque voluto dare una chance a questo film, che, sebbene abbia delle atmosfere lugubri e ogni tanto ci scappa persino lo jump scares, il film si presenta come se qualcosa di incredibile dovrebbe presentarsi ma si sgonfia subito, anche perché il regista presenta situazioni banali, allunga il sugo della salsa senza concentrarsi su quello che fa di un horror un grande horror, o quanto meno anche un buon horror...andare al dunque.