Passa ai contenuti principali

Cineclassics - Zazie Nel Metrò

Film curioso e divertentissimo, diretto da Louis Malle nel 1960, che tocca un po' il cinema muto, con riprese stile comiche, c'è anche Philippe Noiret nel ruolo dello zio di Zazie, che la tiene con se perchè la madre è uscita col suo nuovo fidanzato.

A differenza di tanti autori Louis Malle non vuole dirigere un film drammatico legato all'infanzia, ma, anzi, vuole portare sullo schermo il romanzo di Raymond Queneau, facendone un film a metà strada tra il comico e il surreale.
Il film è un vero casino, con Zazie che cerca di prendere il metrò e non ci riesce, e nel frattempo incontra personaggi strambi e curiosi compreso anche un pedofilo che lei usa per farsi comprare jeans americani, e mangiare cozze e patatine in quantità industriali.
La magia di questo film sta proprio nel fatto che si allontana dalla drammaticità e dalla difficoltà della crescita, per farne una specie di film burla in cui lo spettatore si diverte moltissimo durante la  visione, facendolo a sua volta diventare bambino.
La capacità di Malle, di replicare addirittura il cinema muto, è sorprendente, e negli anni sessanta, tempi in cui il cinema si evolveva grazie all'onda della nouvelle vague, lui riprendeva il cinema del passato facendone un opera sorprendentemente spensierata, come per dire, ogni tanto staccate la spina e guardatevi un film divertente.
E Zazie Nel Metrò è davvero un film divertente, e non scherzo.
La sua particolarità sta proprio nel rinnovare uno stile di cinema e renderlo attuale e anche curioso, come se tutto ciò che lo spettatore assiste fosse in realtà un sogno.
Ma ogni film è in realtà un sogno, è forse questa la parabola che vuole insegnarci Malle?
Sicuramente da vedere.

Commenti

  1. Altro che divertente, in certi tratti è pure commedia surreale, uno dei pochi film di Louis Malle che ho visto, ma davvero meritevole ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Louis Malle è un regista da recuperare e soprattutto da conoscere, io dopo Peter Weir farò la rassegna di Terry Gilliam, Louis Malle mi piacerebbe farla, devo decidere quando farla ovviamente la rassegna xD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.