Passa ai contenuti principali

Ciclo Horror Stories - Don't Knock Twice

Il Ciclo Horror Stories ritorna anche nella settimana di pausa, infatti sto scrivendo la recensione che è programmata per poter poi lavorare al mio romanzo.
Dalla trama mi sembra un film che tocca la leggenda urbana, ma a conti fatti sembra un prodotto di pura evazione, che di horror ha poco e niente.

Intendiamoci, non sono pentita di averlo visto, perché nonostante tutto la visione risulta piacevole, ma se cercate la paura forse è un film che non fa per voi.
Alcuni spunti sembrano interessanti, come il rapporto tra madre e figlia, che alla fine si ricostruisce, ma per fare un film horror non bisogna fare introspezione psicologica dei rapporti tra le persone, o meglio bisogna farlo in un certo modo.
Il regista però commette un errore che in un film horror rovina un film dal potenziale interessante: Si perde nel sensazionalismo, errore che molti registi horror di nuova generazione fanno, perdendo l'efficacia dell'azione, le problematiche legate alla protagonista, ciò che le accade di strano e via di seguito.
Con un plot del genere poteva nascere davvero qualcosa di insolito e originale, invece il regista sembra non sapere che strada prendere, e cerca di dare il contentino al pubblico...ma se il pubblico è intlelligente non si accontenta certo del contentino, vuole di più, vuole emozioni, vuole paura, ciò che in questo film, nonostante un plot davvero incredibile manca.
Così il film resta soltanto uno dei titoli fini a se stessi, che promettono di dare chissà quali emozioni e paure, ma che alla fine durante la visione non ne danno neanche mezza.
Un occasione mancata, che in mano di altri registi, magari sarebbe stato non dico un capolavoro, ma un buon film questo senza ombra di dubbio.
Per quanto mi riguarda, preferisco altri horror, che di certo superano questo filmetto patinato e poco pauroso, anzi farò una provocazione, questo film è poco horror.
Si lo so, ora direte ma c'è una strega, c'è la protagonista che si trova a lottare contro di questa, e c'è il rapporto con la madre da recuperare, me ne rendo conto, aggiungo che il regista invece di creare azione ed emozioni, fa un altro grosso errore oltre il sensazionalismo: si perde troppo nella narrazione. Peccato, perché dagli elementi che presenta, poteva nascere davvero un buon film, quindi è un occasione perduta...almeno per me.
Voto: 5


Commenti

  1. Anche se la locandina è intrigante (diffidare sempre delle belle locandine però!) non mi ispirava, hai confermato la mia sensazione, gracias! Cheers

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.