Passa ai contenuti principali

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Non è la prima volta che Wenders e Shepard collaborano insieme, adesso cerco quali altre volte lo hanno fatto e lo scrivo qui sul blog, ecco, adesso lo so: hanno collaborato insieme per uno dei capolavori di Wenders: Paris Texas, 
prima incursione nell'america.
Con Non Bussare Alla mia Porta, porta sullo schermo un altro sguardo sull'america, ma se nel film appena citato era amaro e disincantato, in questo è malinconico e pieno di rimpianti.
La Sceneggiatura è scritta a 4 mani da Wenders e Shepard, che raccontano di un attore che pianta di punto in bianco il film che sta girando, per allontanarsi e cercare se stesso, tutto bene, finchè la madre non gli dice che ha un figlio di cui non sapeva l'esistenza.
Così Howard, si mette in viaggio per tornare nella cittadina in cui anni prima aveva piantato tutto, in cerca della sua ex Doreen. E' proprio lei a dirgli che il ragazzo che sta suonando sul palco è suo figlio, il ragazzo all'inizio non ci crede, ma poi si incazza come è naturale farlo, facendogli credere di non aver bisogno di lui.
Intanto dal set reclamano la sua presenza, e c'è persino un agente che lo va a cercare per rispettare il contratto che aveva firmato.
Alla fine le cose si rimetteranno a posto? Riuscirà persino a riconquistare Doreen?
Per sapere questo non dovete fare altro che guardare questo film splendido, e pensare che alla sua uscita sono passati ben 12 anni, sembra proprio ieri. 
Per me è già un cult, e dovrei parlare molto di più di Wim Wenders, lo so, e ci vuole una carrellata di film diretti da questo regista con una rassegna...vediamo le cose come si mettono.
Intanto gustatevi questo film se ancora non l'avete fatto, e scoprirete il talento di due degli uomini di cinema non solo molto famosi, ma anche particolari.
Senza dimenticare anche la grande Jessica Lange, che per tanti anni è stata la moglie di Sam Shepard.
Un film che mi ha sorpreso davvero, erano anni che non riprendevo il cinema di Wenders, così l'ho fatto in occasione della scomparsa di Sam Shepard anche per conoscere questo attore e sceneggiatore.
Voto: 8

  

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.