Passa ai contenuti principali

Cineclassics - La Contessa Scalza

Nuovo appuntamento con Cineclassics, il ciclo di film del passato dove viene recensito ogni domenica, per questa settimana ho scelto il bel film di Joseph L Mankiewicz La Contessa Scalza, con Humphrey Bogart e Ava Gardner.

Si tratta della storia dell'attrice Maria Vargas raccontata con la voce di tre uomini che la conoscevano presenti alle esequie, attraverso i loro punti di vista, vediamo la sua vita, la conosciamo, lei ragazza povera, che ha fatto la scalata al successo grazie a un uomo conosciuto nel locale dove si esibiva come cantante, per poi sposarsi e innamorarsi di un altro uomo.
Sembrerebbe il classico melò, di cui Mankiewicz ha costruito il film, la cosa che vi consiglio è la visione, perché si tratta davvero di un bel film.
Ava Gardner è un attrice di cui non avevo mai visto film prima di questo, la sua bellezza è sorprendente, oltre anche la capacità grazie al suo personaggio di catalizzare l'attenzione dello spettatore facendo in modo di restare impresso nella memoria.
La cosa che mi ha colpito maggiormente è l'amicizia che si crea tra lei e il pigmalione che l'ha scoperta, di cui sospetto ci sia un amore mai del tutto rivelato.
Un bell'esempio di cinema che viene direttamente dal passato, grazie a una regia attenta e capace anche di parlare in modo diretto allo spettatore, che si trova catapultato nella storia di Maria restandone allo stesso tempo conquistato e affascinato.
La stessa protagonista non è un personaggio cattivo, è una diva, e lo spettatore segue la sua storia immedesimandosi nelle sue aspirazioni, nei suoi sogni, e alla fine nella sua vita.
La Contessa scalza è uno di quei film che hanno una struttura narrativa incentrata su continui flashback, espediente utilizzato anche da Orson Welles e dal suo Quarto Potere, anche se Mankiewicz pur essendo un ottimo regista, non ha inserito innovazioni registiche per questo film.
Per il resto a fare di questo film ciò che è, ovvero un opera interessante e da vedere, è lo sviluppo narrativo della storia.
Ci presenta una protagonista impossibile da dimenticare come ho detto precedentemente, ma è un bel film è inutile negarlo, a me sinceramente è piaciuto, a voi consiglio la visione, sono sicura che lo amerete come ho fatto io.
Voto: 7



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.