Passa ai contenuti principali

Inferno

Ennesimo film dedicato alle avventure del professore di simbologia religiosa Robert Langdon, che in questo film si ritrova a Firenze quasi privo di memoria, ma ad attenderlo c'è una donna misteriosa che è disposta ad aiutarlo.
Con lei cercherà di ricostruire cosa gli è successo e sventare il piano di una società segreta di diffondere un virus mortale che potrebbe distruggere l'intera umanità.

Il film di Ron Howard, l'ho visto l'hanno scorso, e solo adesso ho deciso di parlarne per recensirlo. Lo so potrebbe sembrare stupido e banale ma non importa, come si dice, non è mai troppo tardi per parlare di film.
L'opera di Ron Howard, è l'ennesimo adattamento per il cinema di un romanzo di uno degli scrittori che più ammiro: Dan Brown,
Il film l'ho visto e mi è piaciuto decisamente, il romanzo non l'ho letto, quindi non posso fare una recensione esaustiva in proposito.
Comunque sia in questa sede parlo del film, poi magari farò qualcosa a riguardo per fare i dovuti confronti.
Ron Howard non è certamente un grande regista, ma come tale è capace di dare personalità all'opera in questione cercando di essere se stesso, è una delle cose che ho sempre apprezzato di lui e dei film che ha diretto, e ne ho visti diversi.
Anche con Inferno, cerca con tutti i mezzi di dare espressione al romanzo di Dan Brown, che sicuramente sarà complesso dato la tematica di cui parla.
Fermo restando che la storia è di quelle che ti colpiscono per la loro efficacia nel trattare temi delicati come la propagazione di un virus per distruggere l'umanità a causa di una setta, il tradimento, lo smascheramento di chi si fa credere amico, ma che poi ti usa per i suoi scopi e ti usa senza che te ne accorgi.
Fino a questo punto il film di Ron Howard, sembra davvero un opera ben fatta e ben diretta, ma esula dal definirsi un capolavoro.
Per quanto mi riguarda a me è piaciuto, l'ho trovato coinvolgente e convincente nella cura con cui è stato diretto e anche nel rispetto della trama.
Tom Hanks come attore è sempre stato uno dei miei preferiti, quindi cosa volete di più dalla vita?
Secondo me potrebbe piacere anche a voi se lo guardate.
Voto: 7


Commenti

  1. Piacevole fino ad un certo punto, perché per me è il peggiore della trilogia, e soprattutto il meno convincente ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.