Passa ai contenuti principali

Glee - Stagione 6

E' sempre brutto dare l'addio a una serie alla quale ho voluto un gran bene.
Ma le cose non durano certo tutta la vita, e così ho dato l'addio a Glee con la consapevolezza che non avrei più rivisto i personaggi ai quali in un modo o nell'altro mi ero affezionata.
Non che non posso rivederla, posso farlo tutte le volte che voglio quando mi verrà la nostalgia del professor Shuster, e della banda di sfigati canterini, che in ben sei anni mi hanno tenuta compagnia.
La serie di Ryan Murphy, nonostante tutto è diventata un appuntamento imprescindibile a casa Lynch, e me lo guardavo sempre divertendomi e deliziandomi nei numeri musicali e canterini...da appassionata di musica quale sono per me una serie simile è stata una manna dal cielo, dato che parlava di  ideali che mi stanno a cuore.
Diciamo che è stato un calderone musicale alla quale non ho rinunciato e ne sono ben felice di averla vista fino alla fine.
Fanculo quelli che dicono che Glee non era una serie esemplare, io me la sono goduta e ho fatto bene a farlo, perchè a parte che mi ci sono divertita, è un concentrato di tolleranza e buoni sentimenti che non sfociano mai nel patetico, ma anzi, danno vita a un gruppo di persone che costituiscono poi una famiglia, ed è proprio la famiglia il tema centrale di Glee, con tutte le sfaccettature del caso, c'è la coppia gay, la coppia lesbica, il ragazzo su una sedia a rotelle e tanto altro ancora.
Potreste chiamarli nerd, ma quando sono sul palco questi ragazzi spaccano, e non sono loro, anche quelli che vengono dopo di loro.
E mentre Rachel torna a Lima Ohio al liceo McGinley per fare da coach alle nuove direzioni, Will Shuster, deve allenare i loro acerrimi rivali, i Vocal Adrenaline, ma le cose cambieranno ben presto, perchè la bontà di Will non va bene per un gruppo di stronzi come i Vocal Adrenaline.
E così si ritrovano tutti al liceo McGinley per vincere le provinciali, le regionali e le nazionali, con l'aggiunta pure degli usignoli.
Insomma la fine ve la lascio immaginare, a me per un pelo non mi è scesa la lacrimuccia, a dare l'addio a quelli che per tanto tempo ho considerato come veri amici.
Mi mancherete ragazzi.


Commenti

Post popolari in questo blog

#LaPromessa2021 - I Cugini

  Mi sono sempre chiesta com'erano i primissimi film di Claude Chabrol  regista che apprezzo molto, conosciuto con il film L'Inferno  di cui ho visto parecchi film, con la scusa della promessa per il 2021, ho deciso di mettere in cartellone uno dei suoi primi film: I Cugini .

#LaPromessa2021 - Lili Marleen

  Questo mese saranno tre i film recensiti per la promessa, anche perché non ho fatto tempo a recensire il secondo di aprile, lo faccio adesso, e spero di recensire in breve tempo anche i film di maggio. Adesso tocca a un film di Rainer Werner Fassbinder  da me amatissimo per tanti motivi e chi bazzica questi lidi sa che ho dato parecchio spazio al suo cinema, quest'anno l'ho fatto partecipare alla promessa, selezionando Lili Marleen  mi sarà piaciuto?

Presto alla fabbrica una sorpresa...

  Venghino signori venghino, se ve piace Lino Banfi, se vi siete trastullati con Edwige Fenech, e avete riso co Pierino o simili, non perdetevi la nuova rubrica dove se parla de sto cinema, no, non sono recensioni, ma ho avuto l'idea sopraffina de parlà del cinema de ggenere, o trash all'italiana, perché anche il trash vole il suo spazio perché è de culto eh? La rubrica se chiamerà   STRACULT  perchè il cult lo lasciamo agli estereofili, nella rubrica si parlerà di diversi film, solo parole e fatti soprattutto che parlano di un certo cinema che andava forte negli anni settanta ottanta o giù di lì. Ci saranno risate e ricordi a non finire, e per chi vuole partecipare mi contatti su facebook o via email o anche sotto questo post CIAOOOOO!!!