Passa ai contenuti principali

Ciclo Horror Stories - Halloween Ediction - Leatherface

Penultimo appuntamento con lo speciale di halloween organizzato dalla fabbrica dei sogni...abbiamo il prequel dedicato a Leatherface, ovvero faccia di quoio.

Ad essere sinceri, il film mi è piaciucchiato, però, se vogliamo parlare seriamente la pellicola non aggiunge molto alla saga di Non Aprite Quella Porta, è soltanto un film a parte e solo per questo motivo l'ho visto e scelto per lo speciale che ho organizzato ad halloween.
Fermo restando che, la visione è volata via, e il film scorre piacevolmente, ma non è certamente un horror perfetto, anche perchè non vuole esserlo.
Molto brava Lily Taylor, che interpreta la matriarca della famiglia cannibale, nonchè anche madre di Leatherface, che bene o male salva il film dalla categoria bad movie, perchè se non ci fosse stata lei sicuramente lo avrei messo lì, e quando scelgo di mettere un film in bad movie non si salva  e non ci sono possibilità di rivalutazioni personali...forse.
Comunque parlando seriamente, se dovessi fare una vera recensione, lo direi chiaramente, il film è quello che è...intanto l'ho messo nei guilty pleasure perchè bene o male mi è piaciucchiato, ma tuttavia si tratta di un prodotto di puro intrattenimento, che come ho detto prima, non aggiunge molto alla saga, ne al genere horror come esattamente ha fatto il suo capostipide.
In poche parole si tratta di un reboot di cui sinceramente non si sentiva la mancanza, anzi, se non si girava state pur certi che il mondo continuava a girare.
Eppure, ci sono dei momenti che mi hanno divertita, e me li sono goduti nonostante tutto.
Anche se sinceramente parlando non posso certo aspettarmi il miracolo, bisogna prenderlo per quello che è...puro intrattenimento da usare tra una pellicola impegnativa e di migliore qualità e l'altra, questi film servono certamente a staccare la spina, perchè altrimenti se impegnassimo il tempo solo a guardare film impegnativi, non riuscissimo a prendere una boccata d'aria.
Da guardare solo davanti a un pacchetto di popcorn con cocacola o birra a seconda dei gusti.

Commenti

  1. Non mi è dispiaciuto, a metà tra Tobe Hooper e Rob Zombie (che non esisterebbe come regista senza Tobe Hooper) pensavo peggio invece tra i tanti titoli della saga creata dal grande Hooper, questo è uno dei più dignitosi, anche se ha il gusto per il sangue più vicino al secondo capitolo piuttosto che all'originale del 1974. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente non so quanto aggiunge alla saga, ma per me è stato godibile e a tratti anche divertente, però niente a che vedere con la saga, che tornerà l'anno prossimo ^_^

      Elimina
  2. A me ha lasciato un po' indifferente, anche se ho apprezzato il tentativo di dare un po' più di "spessore" alla classica trama slasher.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si in effetti non è male come film ;)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.