Passa ai contenuti principali

Speciale Exploitation - Cleopatra Jones

                                                      Speciale Exploitation

Continua come ogni sabato, il viaggio nel cinema d'exploitation.
Oggi ritorna la Blaxploitation, ma non è un film con l'icona di questo sottogenere cinematografico Pam Grier, ma un altra attrice che risponde al nome di Tamara Dobson.
Le tematiche sono praticamente uguali ai film d'azione con la mitica Pam, ma un altra attrice, meno carismatica e cazzuta ma altrettanto efficace, forse più glamour per le mise che indossa e anche più cool.
Qui interpreta il ruolo di una agente che deve dare la caccia a una certa Mami (Ma va, Shelly Winters in un film blaxploitation? Che diavolo ci fa?) che è a capo di alcuni trafficanti d'oppio. La nostra eroina si deve scontrare con un sacco di persone per sconfiggere Mami e la sua banda e non sarà una cosa facile perchè Cleopatra Jones è un osso duro, e con Mami, ha trovato pane per i suoi denti.
Alla regia non c'è lo specialista e miglior regista del genere Jack Hill, ma Jack Starrett, dobbiamo comunque dire che la pellicola risulta un po' datata, e sembra una copia di tanti film fatti da Hill con la Grier, il che presenta una variante accennata del genere, ma che bene o male non presenta nessuna innovazione stilistica.
Il problema sta nel presentare un attrice meno grintosa di Pam Grier ma più affascinante e sexy forse, anche se sinceramente preferisco i film di Jack Hill, dove veramente l'azione la fa da padrone e ti tiene incollato dall'inizio alla fine con una trama travolgente.
Questo film sembra voglia cavalcare l'onda della blaxploitation, con meno appeal rispetto ai film di Jack Hill, che a parte Shaft, che cercherò di rivedere e recensire alla fabbrica sono le uniche di questo genere che ho visto finora.
Resta comunque un cult, per gli amanti della blaxploitation.

Voto: 6
 

Commenti

  1. Oh questo è un ciclo che già mi piace! Non si parla mai abbastanza della Exploitation e della Blaxploitation che ha avuto un grande peso nella cultura popolare americana (qui da noi ovviamente meno), ti leggerò di gusto! Cheers

    RispondiElimina
  2. Penso di averlo già detto, ma il blaxploitation è un genere che vorrei esplorare al 100%
    Sarà un piacere leggere i tuoi articoli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne verranno altri in futuro, sabato prossimo ci sarà Mondo Cane di Jacopetti e Prosperi, ma il sabato seguente vediamo che mi invento ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.

Ciclo Horror Stories - The Midnight Man

Da questo The Midnight man poteva nascere qualcosa di pazzesco, e avevo ragione durante la settimanale rubrica delle uscite cinematografiche a storcere il naso.
Innanzitutto è bene precisare che nonostante abbia messo il film negli scult, per il motivo per cui il soggetto presentato non era poi il massimo dell'originalità, e fin qui ci siamo, nonostante questo ho comunque voluto dare una chance a questo film, che, sebbene abbia delle atmosfere lugubri e ogni tanto ci scappa persino lo jump scares, il film si presenta come se qualcosa di incredibile dovrebbe presentarsi ma si sgonfia subito, anche perché il regista presenta situazioni banali, allunga il sugo della salsa senza concentrarsi su quello che fa di un horror un grande horror, o quanto meno anche un buon horror...andare al dunque.