Passa ai contenuti principali

Speciale Exploitation - 5 Bambole per la luna d'agosto

                                                                   Speciale Exploitation

Premessa: C'è stato un cambiamento di programma in quanto questo sabato era prevista la recensione di Mondo Cane di Jacopetti e Prosperi, ma in streaming purtroppo non l'ho trovato, quindi la visione e la consueta recensione è rimandata a sabato prossimo, sempre che riesca a vederlo, in compenso ho selezionato per voi un altra pellicola d'exploitation, diretta niente meno dal grande Mario Bava legata al filone del cosidetto giallo all'italiana.

film liberamente ispirato a un romanzo di Agatha Christie 10 Piccoli indiani, è tutto concentrato su un uomo che ha fatto un importante scoperta su una resina sintetica, e viene invitato a passare un weekend con alcuni industriali interessati alla scoperta, ma un incidente li fa arrivare in una villa dove sono completamente isolati...ispiagebilmente muoiono uno dopo l'altro tutti quanti apparentemente senza alcun motivo.
In pratica è questa la trama del film, anche se lo ritengo non del tutto riuscito. Avendo visto diversi film del maestro Bava, scegliendolo mi aspettavo un film al cardiopalma.
Mi spiego bene, non è un brutto film, ma io personalmente mi aspettavo decisamente di più, anche se devo dire che la suspance la sa usare molto bene, e certe volte ti da l'impressione di voler giocare una partita con lo spettatore, sfidandolo se riesce o meno a indovinare prima dello smascheramento il colpevole.
Su Mario Bava, che è un regista la cui stima è sempre stata ai massimi livelli, parlerò ancora, in futuro, e persino su suo figlio Lamberto, di cui per adesso ho visto solo un film, quello con Laura Harring, che è il remake di shock, film girato a 4 mani con suo padre Mario, che ha segnato il suo esordio nel mondo del cinema.
Tra i protagonisti anche una giovane Edwiche Fenech che come sempre mostra il suo corpo, anche se rispetto ad altri film non si spoglia poi molto.
La soluzione è molto complicata di quanto pensassi , anche perchè all'inizio Mario Bava sembra giocare con lo spettatore sin da subito con poche e semplici inquadrature, che mettendo in prima linea la Fenech la segue mentre balla, ma poi sembra morta, alla fine si capisce che è stato tutto uno scherzo, una burla.
Ecco questi accorgimenti sono presenti per quasi tutto il film, in cui si mostra senza mascheramenti ciò che noi non percepiamo a prima vista.
Tutti possono essere sospettati, ma soltanto uno è il colpevole...quello che tu non ti aspetteresti mai.
Bello, molto bello.
Scena cult, quanto tutti si addormentano, arriva la polizia e non vede nessuno e poi dopo un po' si risvegliano, se questa non è una genialata non so come chiamarla xD.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.