Passa ai contenuti principali

Californication Stagione 5

Dopo l'addio a Glee, mi consolo parlandovi della quinta stagione di Californication, giunta ormai sugli schermi del pc di casa Lynch come un appuntamento divertente e ormai di culto non solo per farmi due risate, ma anche per riflettere sulla vita.
Attenzione, non prendete superficialmente Californication e soprattutto il suo protagonista, che, seppur sia un cazzone e casinista, è un essere umano con i suoi pregi e non solo con i suoi difetti.
Oltre a Hank, mi fa morire anche Charlie Runkle, o, come lo chiama hank zucca pelata, soprattutto quando decide di rappresentare il fidanzato di Becca.
Ah si, l'avevo dimenticato Becca si fidanza, e questo segna l'inizio della gelosia paterna di Hank, che tra una scopata e l'altra deve pur sempre svolgere il ruolo di genitore.
All'inizio lo fa aggredire da una banda di neri rappers prestati al cinema, poi si scontrano duramente, insomma il rapporto tra genero e suocero non è mai facile, soprattutto perchè il genero è un vero stronzo che mi è entrato in antipatia appena l'ho visto.
Ma Becca è innamorata di lui...
Per non parlare del marito di Karen che fa delle scenate da fuori di testa...insomma quell'uomo è peggio di Hank, ne vogliamo parlare della babysitter che fa due pompini al marito di Marcy? Eh si, il povero Charlie in questa stagione ha il cuore spezzato due volte, sia la sua nuova fidanzata che il suo compagno di bevute e scopate lo hanno abbandonato.
Riusciranno i due amici a riunirsi e a ricostruire la loro amicizia?
Un altra stagione spassosissima che mostra però, il lato responsabile della paternità di Hank, che non è solo più uno scrittore in crisi di ispirazione, fancazzista, stronzo, cazzone e casinista, ma è anche un padre che cerca di fare del suo meglio il suo ruolo di genitore, a volte anche sbagliando, ma è chiaramente un personaggio dalle molte sfaccettature che ho apprezzato parecchio soprattutto in questa quinta stagione...l'ultima per quest'anno.
L'anno prossimo andranno in onda sempre e rigorosamente nel mio pc, la sesta e la settima stagione.
Nell'attesa nel frattempo, vi invito alla visione di questa spassosa e intrigante quinta stagione se non l'avete vista.
Vi sorprenderà.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.