Passa ai contenuti principali

Ciclo Horror Stories - Halloween Ediction - Absentia

Ecco un altro film di Mike Flanagan, stasera sto facendo grazie allo special di Halloween una minirassegna su questo regista, e ogni tanto ci vuole.
Avrei dovuto recensirlo martedì scorso, ma, a causa dell'uscita di It, ho rimandato la recensione allo special halloweeniano di questa settimana.

Dunque, opera prima di Mike Flanagan, e, leggo in giro che praticamente non si sono spesi soldi per girarlo, però una cosa lasciatemela dire...la tensione che questo regista mette nei film è capace di scuoterti fin dal profondo.
E' successo sin dalla prima pellicola che ho visto che anche su questa, che è la sua opera prima.
la cosa che stupisce, è che Flanagan nonostante tutto, è una persona che quasi ossessivamente segue le protagoniste, la maggioranza donne, e sta col fiato sul collo pronto  a carpire qualsiasi sensazione che esse provano.
L'avete mai notato? Io si, e succede con tutte le protagoniste.
Qui praticamente ci da dentro di brutto perchè abbiamo una storia che non è come ce la immaginiamo, una storia che supergiù potrebbe essere tutto e potrebbe essere anche qualcos'altro, ma mai come ce lo aspettiamo noi.
E il colpo di scena finale ne è la dimostrazione esatta che questo regista, ha talento nel girare horror, infatti i suoi film sono tutti horror, almeno fino ad ora.
E' il suo campo, e si nota da sempre la sua capacità di andare in fondo alla storia qualunque essa sia e procurare brividi di paura e di inquietudine allo spettatore, per altro senza mai usare eccessivi effetti speciali.
Questa è una dimostrazione che il suo talento è piu' sottile ma anche molto inquietante.
Dunque Absentia di che parla in sostanza?
Absentia è la storia di una donna che a un anno dalla scomparsa del marito, cerca di andare avanti e riprendere la sua vita, sin dai soldi che dovrebbe ottenere vista la scomparsa del coniuge...ma qualcosa non torna.
Prima che se ne accorga, visioni inquietanti, misteri che arrivano, visioni del marito che sembra un fantasma - e non lo è - tormentano la sua esistenza.
Lei comunque non si perde d'animo e cerca di capire che sia successo a suo marito...
La verità sarà molto più inquietante di quello che si aspetta.
Horror che ha rivelato Mike Flanagan, e, che senza dubbio merita una visione, anche due o tre, a seconda se vi è piaciuto o meno.
Voto: 7 e 1/2

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.