Passa ai contenuti principali

Speciale Exploitation - Motor psycho!

                                                          Speciale Exploitation

Ancora Exploitation, ancora Russ Meyer, che torna questo sabato con uno dei suoi cult movie, che ha anticipato diversi film, quali Easy Rider e Arancia Meccanica, e primo film in assoluto sui motociclisti ribelli, che ha segnato la nascita di un nuovo sottogenere dell'exploitation...la bikexploitation.

Allontanandosi per un breve periodo dalla sexploitation, ha voluto girare in b/n, un film per un pubblico di ragazzi, senza però rinunciare alla presenza di ragazze prosperose e dal seno abbondante, che avrebbero dato maggior attenzione al film.
La pellicola si presenta sin da subito come un opera che non richiede l'esagerazione sessuale, ma vuole andare dritta al sodo, in modo spiccio, a tratti anche cinico, ma mai banale.
Come sua abitudine fare, la narrazione del film presenta personaggi ribelli, incazzati, che vogliono spaccare tutto, e proprio questa ribellione a far si che i protagonisti cercano di aggredire qualsiasi persona gli capiti a tiro.
Le loro motociclette ruggiscono come leoni di una rabbia che riescono a stento a trattenere, e che viene esplicata anche dagli stessi motociclisti, descritti come outsiders contro la società cosidetta civile.
Non nascondo che Russ Meyer, anche con questo film mette alla berlina la società, inserendola faccia a faccia, con qualcosa che semina panico e terrore nelle strade assolate d'america.
Spesso i personaggi cosidetti normali vengono descritti come bizzarri, incapaci anche di stare al mondo, mentre i veri duri, i veri ribelli sono questi motociclisti, che apparentemente senza nessun motivo, vogliono aggredire la società che gira loro intorno.
Se c'è un difetto in questo film, è che nonostante abbia anticipato parecchio cinema che sarebbe venuto di lì a poco, è l'incapacità di spiegare il perchè questi motociclisti aggrediscono le persone, e anche il perchè sono ribelli? Forse lo fanno per il gusto di fare qualcosa di trasgressivo? O perchè ne hanno piene le scatole di seguire assurde regole?
Forse questa volta Meyer, lascia al pubblico di capire le motivazioi delle loro azioni...e secondo me anche per questo motivo la pellicola funziona.
Per me è un cult, e su questo non ci piove. Consiglio la visione. 
Sabato prossimo torna la blaxploitation con Cleopatra Jones.

  


 From Wikipedia


Dopo i problemi avuti con la censura dal suo precedente film (Mudhoney) Meyer decise di cambiare rotta, e di raccontare una storia che non presentasse nudità, ma solo azione. Il budget fu di 38.000 dollari.

Sceneggiatura

La sceneggiatura del film fu scritta da Meyer insieme all'amico e attore Hal Hopper.

Cast

Il produttore di Mudhoney, George Costello, interpretò la parte di un medico, mentre Meyer appare in un cameo, nel ruolo dello sceriffo.
Il folle Brahmin è interpretato da Stephen Oliver, che l'anno successivo fece parte del cast del film televisivo I peccatori di Peyton Place e vestirà ancora i panni del motociclista ribelle in Angels froms Hells, diretto da Bruce Kessler nel 1968.
La protagonista femminile è Haji, prorompente attrice che nel 1966 sarà una delle protagoniste del cult di Meyer, Faster, Pussycat! Kill! Kill!.

Accoglienza

Il film non ebbe buone recensioni alla sua uscita. L'Hollywood Report scrisse: «Un film che manca completamente di buon gusto», ma negli anni successivi fu riscoperto e divenne un cult movie.[1]
Il successo di pubblico fu invece incredibile. Proiettato nei drive-in, fu visto soprattutto da un pubblico di ragazzi.

Omaggi

  • Il film ancora oggi è amato dalle nuove generazioni. Nell'ottobre del 1989 un gruppo di musicisti rock norvegesi, dopo aver visto alcuni film di Meyer, decide di chiamarsi Motorpsycho in omaggio al film.
  • Il gruppo dei White Zombie omaggia il film (e anche Faster, Pussycat! Kill! Kill!) nella canzone Thunder Kiss '65.

Collegamenti ad altre pellicole

  • Il film anticipa altre pellicole con veterani del Vietnam che hanno problemi. Su tutti Taxi Driver, di Martin Scorsese (1975), e Rambo, di Ted Kotcheff (1982).
  • La scena dello stupro ai danni della moglie di Cory anticipa lo stupro della signorina Alexander presente in Arancia meccanica diretto da Stanley Kubrick nel 1971. La tecnica di ripresa è la stessa, con la macchina da presa che inquadra dal basso verso l'alto.
  • La scena in cui Cory costringe Ruby a succhiargli il veleno dalla gamba e poi sputarlo è l'unica scena erotica del film. Essa verrà riproposta in Supervixens, diretto da Meyer nel 1975.
  • Quando Cory e Ruby iniziano a raccontarsi le loro vite Ruby dice: «Che cosa ti aspettavi? La storia di Fanny Hill?», riferimento all'omonimo film diretto da Meyer nel 1964.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.