lunedì 30 giugno 2014

Amadeus

Quando ho visto il film mesi fa, non sapevo cosa mi sarei trovata davanti, l'ennesimo polpettone da oscar? No, non lo è tranquilli, ho visto l'edizione integrale, ben più completa del film che ha vinto la mitica statuetta, e devo dire che mi è piaciuto moltissimo.
Ora non so cosa c'è di vero sulla rivalità tra Mozart e Salieri, che in questo film viene enfatizzata al massimo.

Il compositore italiano Antonio Salieri, da quanto racconta il film, sembrava intimorito dal geniale Wolfgang Amadeus Mozart, che si faceva beffe di tutto e di tutti, stravolgendogli persino una sua composizione, con un motivetto graziosissimo, forte del suo grandissimo talento musicale, eppure nonostante questo, sembrava sboccato, volgare, idiota, tutta roba che lo mandava in bestia.
Il film è uscito nel 1984 ed è tratto dall'opera teatrale di Peter Shaffer sulla rivalità tra Mozart e Salieri, che ha raccolto parecchi premi alle manifestazioni cinematografiche, credo sia uno dei migliori film di Milos Forman, autore di cui in precedenza ho apprezzato molto Larry Flinth - Oltre lo scandalo  Man on The Moon
Con questo film credo che abbia fatto un opera grandiosa, eccessiva, soprattutto nella caratterizzazione dei personaggi, enfatizzati da una rivalità incomprensibile, accentuando la presa sulla leggenda metropolitana in cui si dice che ad uccidere Mozart sia stato Salieri.
Ma devo dire che i due protagonisti sono bravissimi, soprattutto Frank Murray Abraham che recita in maniera controllata, un personaggio capace di perdere la testa, vedi verso il finale e l'inizio, altrettanto bravo è Tom Hulce - che ritroveremo in Mary Shelley's Frankenstein  di Kenneth Branagh che recita in maniera squinternata, bizzarra, ed eccessiva, daltronde lo è persino il personaggio, un geniale idiota, riuscendo a simpatizzare persino con gli spettatori che guardano il film.
Nonostante gli eccessi, il comportamento bizzarro, devo dire che Salieri apprezzava il suo rivale, e il suo apprezzamento era misto a una crescente inadeguatezza, che si trasforma in invidia, per questo giovane dai modi incomprensibili, che sapeva donare una musica così celestiale alla gente.
Insomma il succo del film sta tutto qui, e Forman si chiede se effettivamente a far fuori Mozart sia stato proprio Salieri, cosa che ovviamente nella realtà credo non sia mai successa.
Ovviamente il film è misto tra fatti realmente accaduti e altri palesemente romanzati, comunque questa leggenda sulla rivalità è il centro del film, e pare che a renderla nota fosse Alexander Puskin poeta russo, che addirittura dava per certa questa diceria, e forse il drammaturgo Shaffer si è ispirato proprio a questa leggenda per scrivere il film.
In conclusione, un grande film, vedetelo però nella versione di tre ore, che è una goduria per gli occhi, e le orecchie.
Voto: 8





2 commenti:

  1. per me è da 10, adoro questo film , lo vidi al cinema poi in tv , poi tornai al cinema a vedere la versione director's cut...questo per dirti quanto lo adori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto bene, anch'io però gli ho dato un bel voto, un otto è raro che lo do xD

      Elimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...