Passa ai contenuti principali

Barefoot

Si, è una commedia romantica, ma non è la classica commediola tutta buoni sentimenti, stile Meg Ryan o Julia Roberts che coi loro film ricchi di saccarina ci hanno costruito una fortuna, no.
Questo è un film in cui ognuno di noi può riconoscersi, grazie alla sapiente mano del regista, è capace di entrarti dentro e conquistarti.
Prima di tutto perchè presenta due personaggi apparentemente molto diversi tra loro,  Jay Wheeler, lo sbandato che si caccia sempre nei guai, figlio di una famiglia altolocata che finisce a fare le pulizie in un ospedale psichiatrico e conosce una ragazza, Daisy che è lì dentro non perchè è ammalata, ma perchè le hanno messo in testa di essere matta.
Nel frattempo si sposa il fratello di Jay e gli serve una ragazza che lo accompagni alla cerimonia, così ha la brillante idea di portarsi con se Daisy e sarà l'inizio di un avventura che cambierà per sempre le loro vite.

Questo film è stato una sorpresa per me, e ora vi spiego il perchè.
Innanzitutto abbiamo un film che praticamente pur essendo nel genere della commedia romantica, si distanzia dallo stesso genere, per prendere forma di un film che parla d'amore, e lo fa coi presupposti in cui ognuno di noi può perfettamente riconoscersi.
Due personaggi agli antipodi, la timidissima Daisy che sta al gioco di Jay e lui stesso, che deve indossare una maschera di perbenismo, onde essere accettato dalla famiglia, e nascondere ciò che è in realtà, pur essendo scapestrato, o una pecora nera, ma i giochi arrivano sempre al termine, soprattutto quando si tratta di fare uscire la verità, che viene sempre a galla prima o poi.
Il personaggio di Daisy sembra stralunato, invece non è così, vittima di una madre matta di suo, le hanno fatto credere di essere matta pure lei e l'hanno infilata in un ospedale psichiatrico, alla fine sarà proprio Jay a farle uscire la verità riuscendo a farla aprire del tutto, facendo i conti col suo passato.
Stessa cosa farà Jay, ormai stufo di cacciarsi sempre nei guai, vuole una nuova vita, conscio che bisogna pur sistemarsi e soprattutto per rimettere la testa  a posto, solo quello?
Jay capirà di essere la persona giusta per Daisy, perchè sono entrambi incasinati di brutto, perciò lui riesce a capire la ragazza come realmente è, e piano piano si innamoreranno, al punto tale che Jay andrà persino in manicomio per riprendersi Daisy e cominciare con lei una nuova vita.
Un film sincero, in cui l'empatia coi personaggi scatta immediatamente facendo in modo di riconoscersi nei due personaggi principali, e non di sognare, o roba simile, ma riuscendo a capirli, e immedesimarsi nelle loro azioni, e nel loro pensiero, e solo pochi autori sono capaci di portare tanto sentimento vero nei film, ricordiamocelo.
Bravissimi Scott Speedman e  Evan Rachel Wood che si rivelano realistici, la regia di Fleming sa il fatto suo, è precisa e si allontana dalle classiche commediole smielate, che fanno tanto di incassi al botteghino.
In conclusione, un piccolo ma grande film insomma.
Voto: 8


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.