Passa ai contenuti principali

L'ultima Donna

Continua la mia personale rassegna sul cinema di Marco Ferreri, il film che ho scelto oggi è l'ultima donna.
Un film che riesce a parlare, nonostante tutto sia agli uomini che alle donne, dove il complesso rapporto d'amore supera notevolmente i limiti e le contraddizioni che contraddistinguono le diversità tra i due protagonisti.
Dopo aver guardato questo film capirete quello che sto per dirvi, e butterete nella spazzatura il libro gli uomini vengono da marte e le donne da venere, pur capendo che parlano diverse lingue e hanno un pensiero differente l'uno con l'altro, una sola cosa li lega: il sesso, dopo di chè il regista sembra lanciare una lancia a favore della donna, e ridicolizza le piccolezze maschiliste dell'uomo, come egli voglia farne una parodia non so se mi spiego.


I protagonisti vivono in un ambiente suburbano, Giovanni è divorziato con un figlio piccolo, Valeria è la maestrina che si prende cura del bambino, quando si trasferisce a casa sua, pensa solo ed esclusivamente al bambino, mentre lui pensa solo a scopare, una storia d'amore? Tutt'altro.
Ma Marco Ferreri, non parodizza soltanto l'uomo, è il rapporto d'amore in se che viene messo alla berlina, con questa famiglia un po' sui generis che cerca di convivere.
Entrambi i protagonisti girano sempre nudi per casa, e passano il tempo a fare l'amore soprattutto agli inizi, quando il rapporto sfocia nella noia, Giovanni cerca altre distrazioni, mentre Valeria si dedica anima e corpo al bambino, ed è proprio qui che nascono i problemi che porteranno giovani ad una decisione drastica, quando viene accusato di fallocrazia dalle donne, non anticipo nulla per chi non ha ancora visto il film, dico solo che Marco Ferreri dirige uno dei suoi film più belli, sinceri e spudorati sul rapporto uomo/donna che avrà il suo culmine proprio ne La Carne con Francesca Dellera e Sergio Castellitto, anche se questo film in confronto è un capolavoro.
Imperdibile, sia per uomini che per donne, da vedere solo se non avete pregiudizi a riguardo.
Voto: 8



Commenti

  1. Lo ricordo abbastanza bene e ricordo , come tutti penso, la scena clou, che essendo abbastanza piccola e totalmente imbranata , mi fece parecchio impressione...
    Bacio serale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ha fatto impressione anche a me, e sono ormai adulta xD

      Elimina
  2. Splendido, uno dei miei preferiti di Ferreri!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.