Passa ai contenuti principali

Il Conformista

Oggi invece tocca a Bernardo Bertolucci, di cui sto curando una speciale rassegna cinematografica personale, il film che recensisco è Il Conformista, tratto dall'omonimo romanzo di Alberto Moravia, un'opera riconosciuta come uno dei cento film italiani da salvare, ed è anche uno dei primi capolavori del regista Parmese.
Il film è ambientato ai tempi del fascismo, e propone nella figura di Marcello Clerici, interpretato da Jean-Louis Trintignant, un docente di filosofia che è anche una spia fascista tormentata dal peso di un omicidio commesso in gioventù, la cui vittima era una persona che lo ha molestato sessualmente, un uomo che si è conformato alla società in cui vive. Nel contesto all'inizio è fidanzato con Giulia, una giovanissima Stefania Sandrelli, approfittando del matrimonio, soprattutto durante la luna di miele, Marcello accetta di compiere una missione per la polizia fascista, ovvero uccidere il suo vecchio insegnante di filosofia.
L'insegnante lo accoglie in casa ma è inconsapevole delle reali intensioni dell'uomo, che, nel frattempo si innamora della moglie del professore, sottovalutando che la donna è attratta da Giulia.
Quando però è giunto il momento di compiere l'agguato, Marcello si vede costretto ad uccidere anche Anna, la moglie del professore, perchè all'ultimo momento ha deciso di accompagnare il marito per non lasciare testimoni.
Quando tornerà in Italia, il regime fascista è ormai finito, e si ritroverà faccia a faccia con l'uomo che credeva di aver ucciso, urlando la sua rabbia per le azioni commesse per colpa sua.
Un film che non si potrebbe essere definito soltanto in un genere cinematografico, perchè sarebbe riduttivo, il genere giusto magari sapebbe lo spionistico oltre che drammatico
Qui Bertolucci ha la capacità di farci entrare dentro le vite dei protagonisti, cosa chr al giorno d'oggi molti autori sono incapaci di fare, soprattutto perchè la narrazzione  è molto presente e si nota una certa personalizzazione del punto di vista del suo autore.
In poche parole, Bertolucci ci porta a comprendere il suo protagonista, che pur sapendo di essere dalla parte sbagliata, è un essere umano, incapace di crearsi una vita propria, e allora si conforma per essere qualcuno e sfuggire al suo dolore; quando però si accorge che il dolore di cui ha sofferto sono soltanto le sue paura, scatta la sua rabbia, quella smania di poter tornare indietro per fare scelte diverse da quelle che ha compiuto, ma è come arrampicarsi sugli specchi, con la consapevolezza di non poter raggiungere mai più quella innocenza perduta, che il suo conformismo ha cancellato dalla sua vita.
Lacerante e magistrale.
Voto: 9




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.