Passa ai contenuti principali

Vertigine

Stasera recensisco uno dei film che scoprii in quel grandissimo blog dell'amico Robydick che per ora è in pausa ma spero che torni presto perchè ha lasciato un vuoto incolmabile, soprattutto per me, il film di cui sto per parlare è Vertigine, diretto da Otto Preminger.
Per quanto riguarda la trama sembra che David Lynch abbia preso molta ispirazione da questo film, per quanto riguarda il suo capolavoro Twin Peaks, e infatti, la protagonista si chiama Laura, che viene trovata uccisa, il detective si appassiona alle indagini al punto di dormire persino a casa sua, poi si rende conto che lei ritorna, e comincia una trama incrociata la cui storia è raccontata da Waldo, suo spasimante e conduttore di radio, che lei ha scaricato perchè ha deciso di sposare un altro e a proposito, pare che Laura sia il titolo originale del film, che si svolge in una maniera del tutto diversa dal capolavoro lynchano, ma bene o male alcune citazioni al grande cinema del passato sono sempre presenti.
Fa piacere constatare che le opere cinematografiche riescano a dare ispirazione, e sicuramente data la costruzione della trama e lo svolgimento dei fatti, Preminger ci sapeva fare eccome.
Otto Preminger dirige un giallo classico, senza fronzoli, concentrandosi sulla sparizione di una ragazza e sullo svolgimento dei fatti, sui presunti colpevoli, e sui fidanzati...certo non è un opera innovativa, e si distanzia dall'essere un capolavoro, ma si fa vedere bene, e questo è più un pregio che un difetto.
Una trama articolata e ben costruita tratta dal romanzo di Vera Caspary, si dice che il film non l'abbia diretto tutto Preminger ma da un altro regista, il film è ormai un cult per amanti del cinema noir, una buona occasione per riscoprirlo.
In conclusione, resta un buon film, da vedere per scoprire un piccolo cult del cinema nero, o se vi piacciono i gialli del passato.
Voto: 7





Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.