Passa ai contenuti principali

Labor Day - un giorno come tanti

Ecco un film che avrebbe meritato l'uscita al cinema, si tratta di Labor Day, ultima fatica di Jason Reitman uscita direttamente in dvd....la mia idea in proposito la volete sapere? NO COMMENT!!!
Perchè fare uscire un film così bello direttamente in video? Non c'è programmazione nelle sale? Oppure sono occupate dai soliti roboanti giocattoloni senz'anima che girano tutt'ora...aaah queste multisala, sapete di fatto hanno cancellato la magia della piccola sala cinematografica, quella dove si proiettavano i film...ma lasciamo perdere concentriamoci su questo film.

che Jason Reitman stia prendendo la strada della maturazione è piuttosto evidente, questo è un film piuttosto difficile rispetto ai suoi precedenti, soprattutto perchè tocca temi delicati come la solitudine, la depressione, ma soprattutto l'amore dopo una difficile separazione.
Per toccare certi temi bisogna innanzitutto avere una certa maturità del linguaggio cinematografico e una certa sensibilità a tempi complicati come la difficoltà ad uscire di casa, a ricominciare daccapo dopo una dura separazione.
Il film è una storia d'amore, che comincia soprattutto con l'intrusione in casa di un evaso dalla prigione, Frank Chambers che non fa del male a nessuno, anzi aiuta le persone che lo stanno ospitando, e loro aiutano lui.
Piano piano però comincia ad affezionarsi a quella strana coppia di madre e figlio, e loro lo accolgono come parte della famiglia.
Li aiuta in tutto, nel cucinare, nell'aggiustare le cose di casa, nel pulire...insomma diventa piano piano parte di quella famiglia, e con questo si innamora ricambiato di Adele Wheeler, madre di Henry, che all'inizio è stato avvicinato da Frank che gli aveva chiesto aiuto per una ferita alla gamba.
Un film che entra dentro molto piano, quasi sottovoce, ma capace di rimanerti dentro grazie alla capacità del regista di raccontare sinceramente e con semplicità una storia profonda come l'amore, renderla vivida attraverso le immagini e le scene, ma soprattutto le storie dei protagonisti, che appaiono estremamente naturali grazie alla bravura degli attori che li interpretano per altro tutti bravissimi, nessuno escluso.
Per una volta Jason Reitman, mette da parte le sue commedie per girare una storia più adulta e difficile con una regia nuda e cruda, ma che rasenta un piccolo salto di qualità di un autore che dimostra maturità registica e crescita interiore, sentiremo parlare molto spesso di Jason Reitman, soprattutto se continua nella stessa strada.
Un ottimo film come questo, avrebbe senza dubbio meritato una sala cinematografica accogliente, piuttosto che un DVD mercenario.
Voto: 8




Commenti

  1. Ne ho sentito parlare tantissimo e sempre molto bene! Dopo un 8 mi sa proprio che mi "tocca" vederlo! :)

    RispondiElimina
  2. Dopo una recensione così va recuperato per forza :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.