Passa ai contenuti principali

Il Settimo Sigillo (Det Sjunde Inseglet) - The Seventh Seal

Ciao a tutti amici, dunque questa sera mi appresto a recensire un film che alla fabbrica mancava, Il Settimo Sigillo del mio amatissimo Ingmar Bergman, l'altra volta ero sulla pagina facebook, e mi apprestavo a fare gli album fotografici dei film che ho recensito qui sul blog, ero fermamente convinta di averlo recensito, ma una volta arrivata al blog la recensione non c'era...eh si, mi sono accorta che non l'avevo scritta.
Lo faccio stasera, forte della revisione, così la recensione è fresca, immediata e più ispirata.


Il film parla del senso della vita attraverso una umanità in bilico, in preda alla pestilenza - il film è ambientato nel medioevo - in preda a fanatismi religiosi che vedono il male dappertutto vedi la ragazza che parla con il diavolo ad esempio; e persone come lo scudiero più materialiste, che non credono in Dio, ma solo a cosa possono ottenere dalla vita. Al centro, c'è la partita a scacchi tra il cavaliere Antonious Block e la morte che è venuta a prenderselo.
Una partita già persa in partenza, aggrappato com'è il cavaliere anche a un briciolo di vita in più, poter respirare e vivere mostrando una paura della morte che mette in crisi la sua fede.
Evitare l'inevitabile è possibile? Giocare una partita con la morte per poter continuare a vivere? Sembra uno scherzo, ma invece è pure realtà.
Il film è un lungo intermezzo allegorico sull'umanità, sul suo rapporto con Dio, sulla fede, e sulle sue paure, sulle intolleranze, che sono da sempre presenti nell'uomo, il film è incentrato su questo, e Ingmar Bergman da grande regista profondo qual'è, parla con enfasi, e disegna il ritratto di un umanità, che in nome di Dio - o di una presunta purezza - ucciderebbe persino degli esseri umani innocenti, infatti si da la colpa alla ragazza per la peste che ha invaso il villaggio.
In tutto questo Antonious Block vaga incontrando una famiglia di saltinbacchi, dei giocolieri imparando le cose fondamentali della vita, ovvero la misericordia, si lui lo è, nonostante la sua paura per la morte lui dimostra tolleranza verso quella ragazza, e soprattutto verso il giocoliere, picchiato all'osteria, da un uomo che cerca sua moglie, lui crede sia scappata col giocoliere.
In tutto questo universo, la morte incombe presente, costante, quasi come se attendesse all'uscio il cavaliere, lui sa come andranno a finire i giochi, è il cavaliere che si aggrappa ancora alla vita, alla ricerca di un senso per continuare a vivere, ad esistere, sfidando la sorte, ma il destino è ormai stato scritto, e nonostante tutto dovrà accettarlo.
Il film si apre con una frase tratta dall'apocalisse di Giovanni:

Quando l'agnello aprì il settimo sigillo nel cielo si fece un silenzio di circa mezz'ora e vidi i sette angeli che stavano dinnanzi a Dio e furono loro date sette trombe.
Il film è uno dei più famosi di Ingmar Bergman, da tutti ritenuto un capolavoro assoluto, questa non è certo la prima volta che lo vedo, l'ho fatto per recensirlo nel blog e aggiungere il titolo agli altri presenti alla fabbrica, perchè non è certo un film che può mancare in un blog di cinema che si rispetti.
Questo film è anche l'esempio di come il cinema può essere espresso come pura arte, non solo opera per intrattenere, infatti il film è un autentica opera d'arte, con le tematiche care a Bergman, come l'uomo alle prese con la fede in Dio, le sue domande verso qualcosa di impalpabile, i suoi dubbi e qui incentrate in profondità ci sono persino le sue paure, ma ne ho parlato ampiamente nella recensione, dico soltanto che è un opera che lascia qualcosa di personale, in base alla persona che si trova davanti, ma che una volta visto diventa parte di te e della tua vita.
In conclusione, un film immenso, indimenticabile, che nonostante i suoi 57 anni di età, rimane tutt'ora attuale, e nonostante il tema funebre, il senso del film è molto diverso, ciò che è importante lo capisci tu, si proprio tu che mi stai leggendo, oppure tu, o anche tu, è un film che parla nell'intimo o nel profondo, attraverso allegorie e metafore della vita, di cosa è importante per l'umanità o l'uomo in generale, un film capace di far riflettere ognuno di noi su quella magnifica e grande cosa che ha creato l'universo, ovvero Dio.
Voto: 10


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.