Passa ai contenuti principali

Yves Saint Laurent

Il genere biopic non ha mai generato capolavori, dei buoni film forse, ma mai capolavori.
Innanzitutto però dobbiamo ammettere che questo biopic su Yves Saint Laurent è elegante, e impeccabile, rispecchia inoltre lo spirito dell'uomo di cui racconta la vita, il che non è poco.
Però, ma che snobismo eh? Ed è proprio questo che rende il film un gradino sotto tra i film che potrebbero piacere al pubblico, si perchè sta impantanato su un piedistallo come se raccontasse la vita di una celebrità da osannare come divinità.


Ok, sappiamo tutti il talento di questo grande stilista, vediamo le sue fragilità, le sue debolezze, e la figura molto importante della sua vita Pierre Bergè il compagno, l'amico e l'amante che senza alcun dubbio sarà l'uomo della sua vita.
Si dice che dietro un grande uomo c'è una grande donna, per questo film è il contrario, c'è un altro uomo, però, un pizzichino di provocazione avrebbe innalzato maggiormente il film verso livelli più elevati.
E' proprio questa aria ipersofisticata che ne aliena l'immedesimazione durante la visione, perchè la storia ha infinite qualità e potenzialità per piacere al pubblico, un po' come se il regista avesse evitato di dare un suo punto di vista alla storia, come se si vergognasse di parlare apertamente di certi tabù, o forse era proprio lo stilista che celava la sua omosessualità, chi lo sa, fatto sta che non sono riuscita a smorzare le spranghe del film per portarlo ai miei livelli, che sarebbero quelli con cui guardo un po' tutti i film che vedo.
Mi è piaciuto? Non saprei, certo ha i suoi pregi, un elevata eleganza, fino a renderlo un po' antipatico, sofisticatezza al limite del narcisismo, uno script allettante, anche troppo, ma c'è troppa carne nel fuoco, non stiamo certo parlando di una divinità ma di un essere umano, che per quanto sia stato straordinario, e lo è stato non si può pretendere che pur rimanendo ancorato su un piedistallo, la gente lo veneri come tale.
Proprio questa aria snob, che allontana il pubblico da un film che potrebbe essere un grande film, ma resta un esercizio di stile fine a se stesso, ancorato nel suo trono sull'olimpo, senza possibilità o il merito di accedervi.
Senza infamia e senza lode, ma poteva essere di più.
Voto: 6


Commenti

  1. Risposte
    1. ^^ se ti piace poi me lo dici ok? :)

      Elimina
  2. Ne ho parlato anche sul mio blog, ma in effetti e con tutta sincerità , amica mia cara, a me questo film è piaciuto, pur mancando di qualcosa, questo è certo.
    La colonna sonora è sublime..
    Bacio speciale della sera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi è piaciucchiato devo dire la verità, però ha i suoi difetti lo dobbiamo dire ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.