Passa ai contenuti principali

A 30 Secondi dalla Fine

Andrej Konchalowsky - lo so che è scritto male ma per il tag ho copiato e incollato dal web per il post mi arrangio - lo conosco dai tempi in cui vidi distrattamente il film Maria's Lovers anni fa, acquistato con una rivista e non mi piacque, questo film invece è adrenalinico, e coinvolgente quanto basta per tenerti sulla corda dall'inizio alla fine, tratto da una sceneggiatura dell'imperatore in persona - che piano piano ha praticamente fatto capolino nella mia vita quest'anno, soprattutto dopo la visione del bellissimo e poetico Rapsodia in Agosto, sto parlando di Akira Kurosawa, vero e proprio mito del cinema giapponese - e come potete immaginare il film è straordinario.


Primo perchè pur modificando di poco la sceneggiatura di Kurosawa l'hanno reso attuale, poi perchè anche gli attori dimostrano di saperci fare.
Il regista dal canto suo è capace di rendere personale la storia, il che è un pregio, come ho detto prima è un film adrenalinico, che si allontana dal semplice intrattenimento, ma è capace di incollarti letteralmente sullo schermo e non sto scherzando.
Un film al cardiopalma, in cui il regista, consapevole che si tratta di un opera derivata da qualcosa già scritto, è capace di metterci il suo punto di vista, di non dare tregua allo spettatore, continuamente pressato dalle inquadrature della mdp, con cui sembra non concedere una minima disattenzione.
Il che lo rende un opera capace di tenerti letteralmente sulla poltrona, il che non è poco, parafrasando la completa apatia del cinema contemporaneo.
Ma naturalmente questo è un film di 29 anni fa, dobbiamo pur dirlo, uno dei primi film che ha fatto in america Konchalowsky, che si rivela un autore interessante con questo film.
Consigliatissimo, soprattutto se amate i film del genere ma volete anche vedere un prodotto solido, con una sceneggiatura robusta, e una regia presente e cazzuta!!
Voto: 7



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.