Passa ai contenuti principali

Club Silencio - Stagione 1 - Puntata 10 - I 400 Colpi

Club Silencio
Special Settimanale curato da Arwen Lynch
Questa settimana è l'ultima puntata di questo special, visto che ormai siamo in estate, e per chiudere ho scelto il capolavoro di François Truffaut, il suo film d'esordio I 400 Colpi

Chiudere con Truffaut mi sembra un po'anomalo, alcuni vorrebbero continuare un avventura entusiasmante quale è stata per me Club Silencio, lo special che ogni sabato sera vi ha tenuti compagnia per parlare di quello che ritengo in assoluto il grande cinema, ma visto che l'estate è alle porte, ho pensato bene chiudere la prima stagione per parlare di un grandissimo film, sto pensando a un ciclo estivo, magari faccio poche puntate, per non lasciarvi a bocca asciutta, vedremo come si mettono le cose, ovviamente sarete informati se mi convinco a farlo.
Dunque dunque, I 400 colpi è stato il film d'esordio di Truffaut, e oltre questo anche il più autobiografico, sceglie come protagonista un adolescente,  Jean Piere Lèaud nel ruolo di Antoine Doinel che userà come personale Alter ego, in una serie di film che vanno dal corto Antoine e Colette del 1962, e continuano con Baci Rubati, Non sdrammatizziamo è solo questione di corna, per finire con L'amore Fugge.
I 400 Colpi racconta di un ragazzino trascurato dai genitori, che pensano solo a se stessi, la madre civetta e frivola, il padre si occupa solo delle corse automobilistiche, e al povero Antoine non resta nient'altro che combinarne di cotte e di crude per attirare l'attenzione su di se, ma i genitori non lo capiscono, e anche a scuola viene usato come caprio espiatorio per le marachelle dei compagni.
La scoperta di sua madre che bacia un altro uomo peggiora ulteriormente le cose, e se a scuola Antoine non andava tanto bene e con grosse difficoltà faceva del suo meglio, dopo comincia a marinare la scuola, e a stare una notte intera fuori casa.
La madre lo perdona ma dovrà fare un bel tema per riottenere la fiducia, e allora prende un brano di balzac per l'ispirazione e il maestro lo accusa di plagio, le cose peggiorano ulteriormente, solo e disperato il ragazzo tenta la vendita non riuscita di una macchina da scrivere rubata, ma il custode lo scopre e arriva il riformatorio, Antoine viene denunciato dal padre e la madre si prende una scusa per toglierselo di dentro per metterlo in riga, ma la vita la dentro è molto dura.
Al primo accenno di ribellione il ragazzo viene punito duramente e schiaffeggiato, se ruba una razione extra di pane, non gli resta che scappare via da quel mondo che sente non appartenegli più.





Personalmente credo che son pochi i film capace di entrarti dentro e non uscire più, e i 400 Colpi e proprio uno di questi film.
Quando lo vidi la prima volta mi sono resa conto della grande capacità di Truffaut di lavorare con i ragazzi, e non è sempre facile farlo, soprattutto perchè i bambini non stanno mai fermi per natura, poi perchè bisogna avere molta pazienza e comprensione, e direi che dalla freschezza che si respira che Truffaut ha una grande capacità di comunicare con i bambini, infatti è un film molto sentito e molto toccante per questo motivo.
Il modo in cui viene rappresentato il mondo degli adulti rappresenta la verità, quante volte anche io nella mia vita quando ero ragazzina mi sono accorta che i miei genitori non riuscivano a capirmi? Un sacco, ma non parlo delle mie cose, continuo a parlare del film, che carpisce alla perfezione la superficialità degli adulti e il senso di solitudine dei ragazzi, tanto da straziare il cuore e scusate se è poco.
Ogni azione che Antoine Doinel fa nel film è volta ad attirare l'attenzione di adulti poco propensi a crescere un figlio, e più portati a pensare a loro stessi, se avesse avuto genitori più presenti magari non si sarebbe cacciato nei guai.
Ecco le curiosità del film from wikipedia

  • Il film è dedicato alla memoria di André Bazin, morto proprio la sera del giorno in cui iniziarono le riprese.
  • La pellicola si apre con le immagini della Torre Eiffel, nei pressi della quale il regista aveva abitato da ragazzo e per la quale ha sempre conservato una sorta di attrazione.
  • In una scena Antoine e René uscendo dal cinema passano davanti a dei poster e rubano la foto di una donna: si tratta di Harriet Andersson in Monica e il desiderio di Ingmar Bergman.
  • François e Philippe de Broca appaiono in un cameo: sono due uomini nella giostra insieme ad Antoine al luna park.
  • Il British Film Institute lo ha inserito nella lista dei 50 film più adatti ad un pubblico giovane








E con questo si conclude la prima stagione di Club Silencio, ringrazio tutti coloro che settimana dopo settimana non si sono persi questo appuntamento, tutti coloro che vi hanno partecipato, e tutti coloro che hanno soltanto letto con entusiasmo questo mio special, noi ci rivedremo l'ultima settimana di settembre, sempre di sabato allo stesso orario, con altri film, altre monografie, e altre sorprese, un abbraccio a tutti e arrivederci.
Per la versione estiva di Club Silencio, se ci sarà ve lo farò sapere io in anteprima sempre alla fabbrica dei sogni, ciao a tutti quanti:

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.