Passa ai contenuti principali

Percy Jackson e gli Dei dell'Olimpo: il mare dei mostri

Ok, questa volta Percy Jackson se la deve vedere con un antica profezia, e dovrà fare di tutto affinchè salvi i suoi amici da una terribile minaccia, che rischia di distruggere il campo mezzosangue, nel frattempo, deve fare i conti con Luke che vuole risvegliare Crono, che secoli prima aveva minacciato di distruggere l'olimpo, e Zeus con gli altri dei, lo hanno spedito all'inferno....riusciranno i nostri eroi a sconfiggere Luke e a evitare la minaccia di Crono salvando il campo mezzosangue?

Seconda puntata della saga di Percy Jackson, che senza dubbio per il pubblico dei giovanissimi è stata molto attesa, io l'ho vista per curiosità soprattutto perchè avevo apprezzato il primo episodio, che non era affatto male.
Questo secondo capitolo segue per tensione e coinvolgimento lo stesso modus operandi, con una differenza, che il film giocattolo sebbene sia ben costruito, è fin troppo un giocattolone, anche se intrattiene molto bene.
Divertente e incalzante quanto basta, ha però la pecca di costruire una trama poco sviluppata - effettivamente c'è troppa carne al fuoco - succedono fin troppe cose, bisogna saper dosare il tutto, il regista non ci riesce, effettivamente forse perchè è troppo preso nella costruzione di effetti speciali, che rallentano e appesantiscono la visione del film.
Che cosa aspettarsi da un film giocattolo? Bisogna prenderli così come sono, non ci sono altre vie, o giustificazioni è intrattenimento puro e semplice, che una volta finito di vedere si passa ad altro, comunque sia ormai queste saghe a puntate mi danno l'impressione di costruire piccoli sceneggiati cinematografici che hanno tolto la magia dei piccoli film, sapete, quelli stile anni '80, come I Goonies tanto per fare un esempio, ma i tempi purtroppo sono cambiati, e questa moda delle saghe tradotte per il grande schermo continua, imperterrita nonostante siano passati 13 anni dal suo inizio - ricordate Harry Potter? - questo mi fa pensare che il cinema ormai è business, non più solo film capaci di restare impressi nella memoria.
Ovviamente Thor Freudenthal non è certo Spielberg o Lucas, quelli sono casi a parte, autori che si sono creati da soli un tipo di cinema, che poi hanno stracopiato tutti non con gli stessi risultati, perchè le copie non sono mai come gli originali.
Allora che dire di questo film? Non è male, ma sinceramente parlando non è che sia rimasto impresso a lungo, per quanto mi riguarda consiglio di rispolverare i film degli autori sopracitati, e magari rivedere meglio I Goonies, se proprio vogliono qualcosa che rimanga impresso.
Questo film non aggiunge molto, è solo il secondo capitolo di una saga, che sinceramente parlando non è che sia mancata parecchio, da vedere come film d'evasione tanto per passare tempo, anche se poi una volta terminato lo si dimentica.
Voto: 5 e 1/2




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.