Passa ai contenuti principali

Fast Review #2

Looper - In fuga dal passato

Joe è un looper, ovvero un uomo che uccide chi viola entrando nella sua dimensione attraverso i viaggi nel tempo, che sono assolutamente vietati, dato che ancora non sono stati inventati, ma cosa succede quando vede se stesso da giovane che fa i viaggi nel tempo? Capisce che c'è qualcosa che non va e comincia ad indagare...scoprendo diversi altarini...niente male come film d'azione e fantascienza, ricorda persino i classici di Philip K Dick.
Voto: 7

Regia: Rian Johnson


Detention

Un pericoloso Killer si aggira al liceo, e il preside rinchiude i sospettati a scuola, ma il Killer è ancora a piede libero, riusciranno i nostri scapestrati teenager a smascherare il killer e a salvarsi la pelle?
Il film sembra una vacconata bella grossa, poi ti accorgi che nonostante la poca originalità
sa mischiare bene le sue carte e tiene lo spettatore incollato alla poltrona, il che è un pregio che un difetto, coraggioso.
Voto: 7

Regia Joseph Kahn


Safe House - Nessuno è al sicuro

E' il classico prodotto action hollywoodiano, quindi vi lascio immaginare un po' come sarà il mio parere, non offre nulla di innovativo, c'è la classica cospirazione tanto amata dagli americani, poi ci sono gli agenti segreti, sparatorie, cercare la scoperta di un complotto legato alle safe house e bla bla bla...tutto visto e rivisto un miliardo di volte, non sarebbe il caso di cambiare strategia? La trama narra di un latitante che viene messo in una di queste safe house perchè in possesso di un microchip, dovrà fare i salti mortali per salvarsi la pelle e smascherare chi ha organizzato questa baracconata.
Innovativo? Per nulla.
Voto: 5

Regia: Daniel Espinosa


The Bourne Legacy

Quarto capitolo della saga di Jason Bourne, ma più che un sequel è uno spin-off, protagonista stavolta è Aaron Cross, agente-soldato geneticamente modificato che deve deve disintossicarsi dalle pillole che il governo gli dava, per aumentare le sue potenzialità fisiche e psichiche, essendo "sfuggito" alla chiusura del programma che ha causato la morte di tutti i soldati "programmati" geneticamente, e con lui deve sfuggire al governo anche la dottoressa che studia gli effetti delle pillole e ha rinunciato alla sua carriera per le sue scoperte, anche per questo gli agenti la volevano morta.
Altro action che si allontana dalla saga originaria, forse per questo ha meno appeal di quella con Matt Damon, ma niente paura il divertimento c'è sempre, anche se il film rimane senza infamia e senza lode.
Voto: 6

Regia: Tony Gilroy


Il Mio Angolo di Paradiso

No dico, ma l'amore lo devi trovare quando ti ammali e ci manca poco per restarci secca?
Per la serie non è mai troppo tardi, ma quanto è smielato questo film, si rischia una overdose di saccarina, ipocrita e fasullo, viaggia sulla falsariga dei buoni sentimenti, con una donna cinica, che alla fine riscopre i veri valori della vita, come se tutto ciò fosse normale e comprensibile, ma per favore, il pubblico è molto più serio di come questo film vuole effettivamente edulcolorarlo, con una storia che lascia presagire promesse che non mantiene, e una protagonista (parlo ovviamente del personaggio) incapace di bucare lo schermo, nonostante faccia qualsiasi cosa per ottenere questo, e meno male che Dio le fa avere 3 ultimi desideri, come per la lampada di Aladino, e grazie ad una malattia affrontata con superficialità nel film ovviamente, senza riuscire nell'impresa di fare immedesimare il pubblico, che è obbligato a capire una persona che se la godeva, fino a quando ha scoperto la malattia e comincia a cambiare...no, non ci siamo.
Voto: 2

Regia: Nicole Kassell

Commenti

  1. Detention per me è una delle genialate più fiche degli ultimi anni peccato sia uscito in Italia solo in DVD quindi è pressapoco sconosciuto, peccato cioè: killer, viaggi nel tempo, la scenetta iniziale, qualche riferimenti ai film degli anni 80' boh io ho riso dall'inizio alla fine, autoironico. Per me rimane troppo fico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti, ultimamente c'è questa abitudine di fare uscire i film in dvd direttamente, perchè? Qualcosa mi dice che la sala non ha + l'appeal di un tempo, altri film sono usciti direttamente in video, film che ho visto e mi sono piaciuti, maniac, remake con elijah wood, e byzantium di neil jordan...bah!!!

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.