Passa ai contenuti principali

The Railway Man

Weeee, abbiamo l'ultima pellicola con Nicole Kidman  oggi, ed è il turno di The Railway Man, pellicola diretta da Jonathan Teplikzly su un uomo che durante la guerra è stato in un campo di prigionia, vittima dei giapponesi, che lo obbligarono a costruire una ferrovia, con continue vessazioni e umiliazioni, dopo anni il dolore riaffiora, cercando la vendetta, vivendo con la rabbia, ma alla fine quello che riaffiora è che il dolore non sta mai da una parte sola...e l'umanità vince sempre, nonostante l'odio creato dalla guerra.

Nicole Kidman e Colin Firth insieme in un film, è sicuramente un occasione da non perdere; in passato questi due attori mi hanno sorpresa non poco con i loro film, e così eccomi a recensire un film con loro due insieme.
Un bel film devo dire, capace di farsi apprezzare, pur non toccando vertici elevati, e devo dire che il regista ha saputo ricostruire bene il dolore interiore di Eric Lomax, con una tale efficacia da sentirteli addosso, si comincia  a instaurare grazie a particolari scene capaci di tenere alta l'attenzione dello spettatore, una speciale empatia, non di quelle semplici, ma sofferta, dolorosa, che ti fa sentire parte del viaggio del protagonista e di sua moglie.
C'è una narrazione di fondo che si eleva in maniera efficace nel film, senza ombra di dubbio, il regista è stato capace di farci apprezzare i personaggi, di vivere la loro vita, e la loro storia da farci provare i loro sentimenti e le loro emozioni.
La ciliegina sulla torta sta nella costruzione di una trama mai banale, che ti prende per mano nonostante tutto, ma capace di raffigurare l'umanità quando si trova a dover fare cose estranee alla sua natura, il dolore, l'incomprensione, ma soprattutto la crudeltà e la capacità di quanto può far male il potere quando si devono vessare le altre persone. Poi  si cambia strategia, qui l'umanità è costretta ad affrontare i suoi demoni, errori, e colpe del passato, con una espiazione che fa riaffiorare la natura stessa dell'umanità, il finale non è consolatorio, è giusto, di solito film del genere sono film di vendetta, mai porgere l'altra guancia quando ti fanno un torto, invece qui la porgono tutti la guancia, non è un finale stupido, perchè gli sconfitti sono tutti e due, non solo chi ha subito, ma anche chi l'ha fatto, il vero male è la guerra.
Un film che mi ha sorpreso positivamente, e naturalmente ve lo consiglio con tutto il cuore.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.