Passa ai contenuti principali

The Railway Man

Weeee, abbiamo l'ultima pellicola con Nicole Kidman  oggi, ed è il turno di The Railway Man, pellicola diretta da Jonathan Teplikzly su un uomo che durante la guerra è stato in un campo di prigionia, vittima dei giapponesi, che lo obbligarono a costruire una ferrovia, con continue vessazioni e umiliazioni, dopo anni il dolore riaffiora, cercando la vendetta, vivendo con la rabbia, ma alla fine quello che riaffiora è che il dolore non sta mai da una parte sola...e l'umanità vince sempre, nonostante l'odio creato dalla guerra.

Nicole Kidman e Colin Firth insieme in un film, è sicuramente un occasione da non perdere; in passato questi due attori mi hanno sorpresa non poco con i loro film, e così eccomi a recensire un film con loro due insieme.
Un bel film devo dire, capace di farsi apprezzare, pur non toccando vertici elevati, e devo dire che il regista ha saputo ricostruire bene il dolore interiore di Eric Lomax, con una tale efficacia da sentirteli addosso, si comincia  a instaurare grazie a particolari scene capaci di tenere alta l'attenzione dello spettatore, una speciale empatia, non di quelle semplici, ma sofferta, dolorosa, che ti fa sentire parte del viaggio del protagonista e di sua moglie.
C'è una narrazione di fondo che si eleva in maniera efficace nel film, senza ombra di dubbio, il regista è stato capace di farci apprezzare i personaggi, di vivere la loro vita, e la loro storia da farci provare i loro sentimenti e le loro emozioni.
La ciliegina sulla torta sta nella costruzione di una trama mai banale, che ti prende per mano nonostante tutto, ma capace di raffigurare l'umanità quando si trova a dover fare cose estranee alla sua natura, il dolore, l'incomprensione, ma soprattutto la crudeltà e la capacità di quanto può far male il potere quando si devono vessare le altre persone. Poi  si cambia strategia, qui l'umanità è costretta ad affrontare i suoi demoni, errori, e colpe del passato, con una espiazione che fa riaffiorare la natura stessa dell'umanità, il finale non è consolatorio, è giusto, di solito film del genere sono film di vendetta, mai porgere l'altra guancia quando ti fanno un torto, invece qui la porgono tutti la guancia, non è un finale stupido, perchè gli sconfitti sono tutti e due, non solo chi ha subito, ma anche chi l'ha fatto, il vero male è la guerra.
Un film che mi ha sorpreso positivamente, e naturalmente ve lo consiglio con tutto il cuore.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.