Passa ai contenuti principali

The Den

Ok, chi mi legge SA quanto detesto reality horror, found foutage, mockumentary e via di seguito, e sa quanto sono massacrati da queste parti, tanto da uscirne sempre con le ossa rotte, e non ci vado mica leggera a bersagliarli, sapendo questo ho evitato accuratamente di guardare Smiley, perchè ormai come genere non mi attizza il palato per così dire, poi perchè il suddetto film è stato ampiamente massacrato da altri colleghi bloggers, quindi l'ho evitato a piè pari.
Leggendo però la rece dell'amico Bradipo, ho voluto dare una possibilità a questo The Den, che almeno nella carta sembrava più interessante rispetto al precedente.
Fermo restando che qualitativamente è un po' azzardato dire E' un bel film, soggettivamente parlando è una paraculata di quelle furbe, che si fanno apprezzare a tradimento, anche se devo dire che certe trovate sono piuttosto intriganti e per una serata a pane e salame vanno bene per passare l'ora e mezza scarsa se non si ha una cippa da fare, e ci sta tutto, soprattutto va bene per staccare tra una visione impegnativa e l'altra.

Una Vaccata simpatica per passare tempo, in poche parole, anche se dire vaccata - io che volevo massacrarlo, ma mi accorgo che non ne vale la pena però - è un po' azzardato.
Sembra che il regista si diverta un po' a spazientire lo spettatore, che già visti i precedenti si aspetta un po' di roba trita e ritrita, ma una serie di colpi di scena ben studiati a tavolino, fanno si che il film non sia del tutto da buttar via, anche se non grida al capolavoro.
La protagonista è una ragazza che sta facendo per l'università una ricerca sulle videochat, e vi lascio immaginare che tipo di gente trova, fino a quando non si imbatte in un maniaco che non usa la webcam, ma solo la fotografia di una vittima, e comincia il gioco al gatto col topo, ricco di colpi di scena, anche fuori luogo per così dire, ma ben costruiti e architettati, grazie a una regia capace di tenere alta la tensione, ma alla fine che succede? Succede che - e questo è il grande limite del film - si rimane a bocca asciutta perchè non si scopre l'identità del maniaco della video chat, e dici tutto qui?
Si, esattamente così, e scusate lo spoiler a bruciapelo, ma non potevo farne a meno; tutto quello che  noi vediamo è frutto di quello che vede la protagonista, oltre non si va, peccato però, perchè un idea simile sarebbe stata migliore se fosse più coraggiosa.
E allora? Tutto sto giocare a che serve? Serve a un regista che gioca al gatto col topo e poi non è capace di finire con intelligenza un film che in mani ben più esperte sarebbe stato ben più di un opera furba.
Voto: 5 e 1/2 ma si poteva fare di più, molto di più, il 5 e 1/2 lo do per il finale un po' troppo sbrigativo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.