Passa ai contenuti principali

Onirica Field of Dogs

Seconda recensione di oggi, ho scelto per il secondo giro Onirica Field of Dogs, il film di Lech Majewski, che devo dire mi ha colpito positivamente.
Ma premetto una cosa, non è un film per tutti, allontanatevi dall'idea che tutti possono vedere o apprezzare un film del genere, anzi a una prima visione lo odierete, si dico sul serio, lo odierete, per il semplice motivo che presenta dialoghi ridotti all'osso, un surrealismo opprimente, a tratti asfissiante, e sembra che manchi addirittura di una regia efficace, ma solo in apparenza.
Terzo capitolo di una trilogia sull'arte cominciata con Il giardino delle delizie, e continuata con I colori della passione, in questo episodio si concentra su Dante e la sua divina commedia.
Lo devo dire, ha una costruzione un po' pesante, forse per l'eccessivo surrealismo di cui il film è imperniato, ma effettivamente, con un film del genere cosa vogliamo chiedere al regista?
Ovviamente questo è il mio parere, che non deve essere preso per assoluto per carità, voi vi fate pure il vostro che è comprensibile che l'abbiate.
La storia narra di Adam, un giovane polacco che in un incidente ha perso la compagna e il suo migliore amico, da quel momento la sua vita cambia drasticamente, e smette di fare l'insegnante, e perde anche l'entusiasmo per la scrittura delle poesie essendo un promettente poeta, prima dell'incidente.
Ora si è fatto assumere in un centro commerciale, e i suoi principali interessi sono la lettura della divina commedia e il sonno, in cui può incontrare i suoi fantasmi e le persone decedute, come un novello Dante, è alla ricerca della sua beatrice, per potere stare con lei ancora una volta.
Un film del genere come può non piacermi?
Lo dico perchè anche io ho avuto in passato esperienze simili, non di incidenti per carità, ma la capacità di captare le persone che non ci sono più attraverso il sonno,  ed essendo una persona che crede nei sogni nel vero senso della parola, - non è uno scherzo il mio, ho sempre avuto una sensibilità elevatissima rispetto a tutti gli altri - mi sono sentita avvolta dal film, come se mi avviluppasse tutta tanto da vedermi letteralmente dentro il film, nel protagonista, nella sua genesi, e nelle sue esperienze, anche se la divina commedia non l'ho letta.
Un film che mi ha letteralmente percossa tutta, e sapendo il tema filmico come potevo non guardarlo?
Da vedere solo se riuscite a capire e anche a vedere, nonostante la pesantezza.
Voto: 7



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.