Passa ai contenuti principali

Onirica Field of Dogs

Seconda recensione di oggi, ho scelto per il secondo giro Onirica Field of Dogs, il film di Lech Majewski, che devo dire mi ha colpito positivamente.
Ma premetto una cosa, non è un film per tutti, allontanatevi dall'idea che tutti possono vedere o apprezzare un film del genere, anzi a una prima visione lo odierete, si dico sul serio, lo odierete, per il semplice motivo che presenta dialoghi ridotti all'osso, un surrealismo opprimente, a tratti asfissiante, e sembra che manchi addirittura di una regia efficace, ma solo in apparenza.
Terzo capitolo di una trilogia sull'arte cominciata con Il giardino delle delizie, e continuata con I colori della passione, in questo episodio si concentra su Dante e la sua divina commedia.
Lo devo dire, ha una costruzione un po' pesante, forse per l'eccessivo surrealismo di cui il film è imperniato, ma effettivamente, con un film del genere cosa vogliamo chiedere al regista?
Ovviamente questo è il mio parere, che non deve essere preso per assoluto per carità, voi vi fate pure il vostro che è comprensibile che l'abbiate.
La storia narra di Adam, un giovane polacco che in un incidente ha perso la compagna e il suo migliore amico, da quel momento la sua vita cambia drasticamente, e smette di fare l'insegnante, e perde anche l'entusiasmo per la scrittura delle poesie essendo un promettente poeta, prima dell'incidente.
Ora si è fatto assumere in un centro commerciale, e i suoi principali interessi sono la lettura della divina commedia e il sonno, in cui può incontrare i suoi fantasmi e le persone decedute, come un novello Dante, è alla ricerca della sua beatrice, per potere stare con lei ancora una volta.
Un film del genere come può non piacermi?
Lo dico perchè anche io ho avuto in passato esperienze simili, non di incidenti per carità, ma la capacità di captare le persone che non ci sono più attraverso il sonno,  ed essendo una persona che crede nei sogni nel vero senso della parola, - non è uno scherzo il mio, ho sempre avuto una sensibilità elevatissima rispetto a tutti gli altri - mi sono sentita avvolta dal film, come se mi avviluppasse tutta tanto da vedermi letteralmente dentro il film, nel protagonista, nella sua genesi, e nelle sue esperienze, anche se la divina commedia non l'ho letta.
Un film che mi ha letteralmente percossa tutta, e sapendo il tema filmico come potevo non guardarlo?
Da vedere solo se riuscite a capire e anche a vedere, nonostante la pesantezza.
Voto: 7



Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.