Passa ai contenuti principali

Gran Budapest Hotel

All'inizio Wes Anderson non mi è piaciuto molto, anzi lo detestavo, quella sua aria snob con il quale infarciva i suoi film mi stava sui maroni.
C'è voluto I Tenenbaum per cominciare ad apprezzare questo grande regista, e l'altro suo film Moonrise Kingdom - Una Fuga D'amore, che seppur non abbia ancora fatto centro, ha aperto il varco per la grande rivelazione, che mi porterà a rivedere e soprattutto a rivalutare i suoi lavori passati.
Grand Budapest Hotel è senza dubbio il suo lavoro migliore, presenta una storia ricca di equivoci e scene geniali e bizzarre allo stesso tempo, come se tu guardassi un mix di cinema classico e dimenticato magari degli anni 30 e 40, mischiato con la commedia goliardica e sofisticata.
Un po' come se Woody Allen incontrasse e si scontrasse con Blake Edwards o persino con Billy Wilder, tanto per fare citazionismi.


Si, questo è un film citazionista, che senza dubbio ha aumentato la mia stima verso questo regista curioso e interessante, allora fiato alle trombe che si comincia.
Innanzitutto la trama, che racconta di una cliente del Grand Budapest Hotel, che lascia il suo prezioso quadro a Monsieur Gustaf, proprietario dell'albergo, e questi deve fare i conti con i parenti inferociti perchè il quadro vale una fortuna, e arriveranno persino ad accusarlo di omicidio per riprendersi il prezioso oggetto.
Il Tutto è raccontato da Zero, un tempo Consierge dell'albergo, e ora proprietario, che racconta come si sono svolti i fatti.
Tutto comincia a ritroso, agli anni gloriosi di quell'albergo, dove Gustaf lo mandava avanti, deliziando le signore attempate della sua compagnia, fino alle goliardiche idee per sfuggire ai familiari della signora che gli ha donato il suo prezioso quadro.
Qui, per questo film, Wes Anderson non si risparmia, e regala un opera in cui tutto sembra filare liscio con  leggerezza e ironia, grazie a una serie di trovate brillanti, e a una regia attenta e pungente, insieme a uno script intelligente dove praticamente non manca nulla.
Che sia questo il suo capolavoro assoluto? Beh può darsi, innanzitutto perchè si presenta come un opera molto più matura rispetto alle sue precedenti - a parte le Le Avventure Acquatiche di Steve Zisou che ancora non ho visto, e il film d'animazione coi lupetti che ho visto e non ho ancora recensito. - poi rispecchia davvero una capacità di evolversi che solo pochi registi hanno.
Il film è brillante, sagace, elegante e divertente, coinvolge dalla prima all'ultima scena senza perdersi di una sola virgola, ahiahiahi Wes stavolta lo devo dire, sei riuscito a stuzzicare la mia curiosità, e ti avviso, una volte che entri dentro al cuore, è difficile che ci esci, in poche parole con questo film Wes Anderson dimostra di saperne una più del diavolo, e anche nella scelta del cast, si va dai feticci Bill Murray presente in un cameo, fino a Tilda Swinton, Ralph Fiennes, Willem Dafoe, Judd Law e tanti altri ancora, che, messi insieme sembrano essere parte di una sinfonia cinematografica come non si vedevano ai tempi delle vecchie commedie hollywoodiane divertenti, e scusate la domanda, ma cosa volete di più da un film?
Imperdibile.
Voto: 9






Commenti

  1. Amo Wes da sempre. Quest'inverno ho avuto anche l'onore e il piacere di incontrarlo al festival del cinema di Roma dove ha presentato un cortometraggio realizzato con Prada. Io penso che tutto quello che faccia sia una gioia per gli occhi, ogni scena sia un quadro, ammiro la cura dei dettagli in ogni film e soprattutto mi piace anche la caratterizzazione dei personaggi. Insomma aspetto subito il prossimo film! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beata te, il prossimo film lo aspetto pure io, ma prima devo recuperare quelli passati e guardarli con attenzione, ma Grand Budapest è stata una rivelazione per me ^_^

      Elimina
  2. Io Wes lo adoro. Fin dai tempi di Rushmore, già curatissimo in ogni dettaglio anche se ancora un po' acerbo: da lì in poi è stato un crescendo e The Grand Budapest Hotel è semplicemente un trionfo!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si confermo, Rushmore era acerbo, io ce l'ho ancora in vhs registrato mi sembra su fuiori orario addirittura se ricordo bene ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.