Passa ai contenuti principali

The Kings of Summer

Ancora cinema d'autore, questa volta ho selezionato una pellicola indipendente, una commedia con dei ragazzi protagonisti, che scelgono di vivere un estate lontano dai genitori e dalle responsabilità, costruendo una casa nel bosco, Joe, Patrick e Biaggio, scelgono di passare un estate all'insegna della spensieratezza e della libertà, quando però Patrick porta nella casa una ragazza di cui ha una cotta le cose cominciano a cambiare decisamente.
L'impressione che mi sono fatta su questo film è stata quella di trovarmi davanti a un opera sincera, che ha una sua personalità, non sto parlando di certo di capolavori come Into The Wild, questo film non è certo a quei livelli, però si respira un aria d'avventura, di spensieratezza come non accadeva da tempo.
Merito del cinema indipendente come dico sempre io, quei piccoli ma grandi film capaci di far riflettere ma soprattutto capaci di conquistare con poche e semplici cose, di cosa parlo?
Semplice, il senso di evasione che prevade per tutto il film, dei nostri protagonisti, allontanarsi dalla realtà per ritrovare loro stessi? Si può fare, si può fare, ma nonostante tutto la realtà piomba sempre nella nostra vita, anche se noi facciamo di tutto per sfuggirle, non possiamo sempre scappare, bisogna affrontarla.
L'affronteranno i nostri amici capendo che nella vita bisogna vivere anche le cose che ci infastidiscono piuttosto che sfuggire non risolvendo nulla?
Il tema del film è questo in poche parole, imperniato da una regia misurata e per nulla artificiosa, e da un cast attoriale sulla media, certo il film non brilla di originalità, ci sono tantissimi film imperniati sullo stesso tema, però pur essendo una pellicola minore, è capace di farsi vedere tranquillamente, nonostante i difetti e anche i pregi.
Il regista però dobbiamo dirlo non è capace di far evolvere il film, resta fin troppo ancorato al copione evitando il più possibile il coinvolgimento del pubblico, cosa che per il cinema è fondamentale, nonostante la pellicola abbia infinite potenzialità non le sfrutta a dovere, peccato.
In conclusione, senza infamia e senza lode, ma si poteva fare di più volendo.
Voto: 6



Commenti

  1. Risposte
    1. dai bradipuccio recensisci pure tu :D

      Elimina
  2. Mi rivedo parecchio nei tuoi gusti...quasi tutti i film che recensisci li ho gia visti oppure ho in programma di vederli! Questo l'ho visto un annetto fa e mi è piaciuto molto...io gli avrei dato qualcosa in piu di 6! L'ho trovato divertente, geniale e con una bellissima soundtrack! Poi i ragazzi protagonisti sono bravissimi! Comunque la penso come te, sicuramente non è un capolavoro ma lo trovo molto godibile! Continua così, ti seguo sempre con molto piacere!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…