Passa ai contenuti principali

The Kings of Summer

Ancora cinema d'autore, questa volta ho selezionato una pellicola indipendente, una commedia con dei ragazzi protagonisti, che scelgono di vivere un estate lontano dai genitori e dalle responsabilità, costruendo una casa nel bosco, Joe, Patrick e Biaggio, scelgono di passare un estate all'insegna della spensieratezza e della libertà, quando però Patrick porta nella casa una ragazza di cui ha una cotta le cose cominciano a cambiare decisamente.
L'impressione che mi sono fatta su questo film è stata quella di trovarmi davanti a un opera sincera, che ha una sua personalità, non sto parlando di certo di capolavori come Into The Wild, questo film non è certo a quei livelli, però si respira un aria d'avventura, di spensieratezza come non accadeva da tempo.
Merito del cinema indipendente come dico sempre io, quei piccoli ma grandi film capaci di far riflettere ma soprattutto capaci di conquistare con poche e semplici cose, di cosa parlo?
Semplice, il senso di evasione che prevade per tutto il film, dei nostri protagonisti, allontanarsi dalla realtà per ritrovare loro stessi? Si può fare, si può fare, ma nonostante tutto la realtà piomba sempre nella nostra vita, anche se noi facciamo di tutto per sfuggirle, non possiamo sempre scappare, bisogna affrontarla.
L'affronteranno i nostri amici capendo che nella vita bisogna vivere anche le cose che ci infastidiscono piuttosto che sfuggire non risolvendo nulla?
Il tema del film è questo in poche parole, imperniato da una regia misurata e per nulla artificiosa, e da un cast attoriale sulla media, certo il film non brilla di originalità, ci sono tantissimi film imperniati sullo stesso tema, però pur essendo una pellicola minore, è capace di farsi vedere tranquillamente, nonostante i difetti e anche i pregi.
Il regista però dobbiamo dirlo non è capace di far evolvere il film, resta fin troppo ancorato al copione evitando il più possibile il coinvolgimento del pubblico, cosa che per il cinema è fondamentale, nonostante la pellicola abbia infinite potenzialità non le sfrutta a dovere, peccato.
In conclusione, senza infamia e senza lode, ma si poteva fare di più volendo.
Voto: 6



Commenti

  1. Risposte
    1. dai bradipuccio recensisci pure tu :D

      Elimina
  2. Mi rivedo parecchio nei tuoi gusti...quasi tutti i film che recensisci li ho gia visti oppure ho in programma di vederli! Questo l'ho visto un annetto fa e mi è piaciuto molto...io gli avrei dato qualcosa in piu di 6! L'ho trovato divertente, geniale e con una bellissima soundtrack! Poi i ragazzi protagonisti sono bravissimi! Comunque la penso come te, sicuramente non è un capolavoro ma lo trovo molto godibile! Continua così, ti seguo sempre con molto piacere!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.