venerdì 6 giugno 2014

Fast Review #1

Ok, era comprensibile che prima o poi ci sarei arrivata, e in attesa della recensione normale di oggi, comincio con quelle brevi, o veloci come dice il titolo originale.
Lo sapete, si vedono un sacco di film, non si può certo fare una recensione normale per ogni film che si vede, capita che alcuni film rimangono per anni in lista, allora onde smaltirli ho pensato bene di unire alcune recensioni in un unico post, piccole recensioni, in modo che si smaltiscono presto, e cominciamo quelle di oggi, cercherò di farle ogni giorno in modo da svuotare la botoletta a destra xD
Quindi, bando alle ciancie, e cominciamo

Dragon Trainer
aaaah carino carino il film, nonostante il 3D mi è piaciucchiato parecchio, anche se  devo dire che il pezzo forte sta nella sceneggiatura e nella caratterizzazione dei personaggi.
Il giovane Hiccup, nonostante la sua gracilità si rivela un personaggio cool, capace di domare il drago, anche se dovrà sudare sette camicie per riuscirci. Voto: 7 e 1/2
Regia di: Chris Sanders Dean DeBlois

Wrecked

Un uomo chiuso su una macchina, che cerca in tutti i modi di riuscire ad uscire, non si sa cosa gli è successo, non si sa neanche il perchè, dialoghi scarni una sceneggiatura appena accennata, e una regia pressante, sembra una pazzia, un assurdità ma sia il film che la storia non decolla mai. Bocciato.
Voto: 3

Regia: Michael Greenspan

Parole D'amore

Tratto dall'omonimo romanzo di Myla Goldberg è la storia di una famiglia apparentemente perfetta, in cui tutto sembra andare per il verso giusto, un giorno Saul scopre il talento di sua figlia Eliza per lo spelling, e questo lo rende fiero, ma allo stesso tempo trascura sia il figlio più grande che la moglie.
Il ragazzo comincia ad avere crisi religiose e si converte al buddismo, rivelando che quello che sembrava essere un nucleo familiare unito, in realtà sta seguendo diversi percorsi, sarà proprio Eliza a ricomporre il nucleo familiare, anche se questo vuol dire deludere le aspettative del padre. Sceneggiato da Naomi Foner Gyllenhaal è un film senza infamia e senza lode che si lascia vedere bene, nonostante tutto.
Voto: 6
Regia: David Siegel, Scott McGhee

Windtalkers
John Woo dirige un film di guerra? Questa si che è una novità, anche se devo dire è un opera minore che non aggiunge nulla di nuovo alla sua straordinaria filmografia.
La Trama è presto detta, soldati americani che usano la lingua Navajo, per sfuggire ai giapponesi durante la seconda guerra mondiale, protagonista un sergente: Joe Enders che vuole vendicare alcuni amici morti casualmente per colpa sua, quindi decide con tutte le forze di proteggere un marconista Navajo per non farlo cadere nelle mani dei giapponesi.
Forza e coraggio, non tutte le ciambelle escono col buco, John Woo lo preferisco quando fa film d'azione, è decisamente più pungente.
Voto: 4

Regia: John Woo

Possession

No aspettate, Sarah Michelle Gellar al centro di un triangolo amoroso, con morte del maritino, e inizio di relazione col fratello che sembra evocare lo spirito del defunto? No, aspettate, c'è qualcosa che non va, non può essere così...eppure è proprio così, anche se alla fine sembra più una presa per il c**o per così dire, deludente.
Voto: 2

Regia: Simon Sandquist, Joel Bergvall

6 commenti:

  1. mi pare che ti sei scrollata di dosso diverse schifezzuole....ah ah ah Dragon Trainer però è bellittimo....

    RispondiElimina
  2. si, dragon trainer si, non è niente male come film :D

    RispondiElimina
  3. Dragon Trainer devo recuperarlo, che tra poco esce il secondo! :D

    RispondiElimina
  4. confermo, Possession non si può guardare. Dragon Trainer è bello assai invece

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...