Passa ai contenuti principali

Kamasutra a Tale of Love

                                                                     Riguarda & Recensisci

Nuovo appuntamento con Riguarda & Recensisci, la rubrichetta della fabbrica dei sogni che ripesca i film visti e non ancora recensiti. Oggi è il turno di uno dei miei cult personali Kamasutra a tale of love.
Film raffinato e sensuale, che strabocca d'amore, e non vi fate venire in mente strane idee, qui non c'è nulla di porno o peccaminoso, è una storia d'amore, ricchissima di scene bollenti ma che sono legatissime alla storia.
L'eroina è una ragazza che ha una spiccata sensualità sin da quando era una bambina, Maya e fa amicizia con la principessa Tara, le due ragazze crescono insieme, mentre la prima che finirà ad essere la più abile cortigiana che diventerà la favorita del re, la seconda diventerà sua moglie.

Film che in patria è stato censurato e seguito da uno scandalo di dimensioni notevoli, in altri paesi non c'è stato tutto questo clamore, eppure c'è una raffinata sensualità durante la visione del film.
Non c'è nulla di volgare, ma anzi, la regista ha l'accuratezza di coinvolgere il pubblico in una straordinaria storia d'amore, perchè il film rimanda la filosofia del Kamasutra che non è come pensate voi, ma in india è considerato un testo sacro sull'amore tra uomo e donna e la loro vita insieme, come dice la donna che farà diventare Maya la più abile cortigiana.
Ma il giorno in cui si innamora di Jai Kumar comincia per lei la consapevolezza che il re li dividerà se venisse a scoprire la loro storia.
Un film che guardo sempre con piacere, soprattutto perchè la storia mi ha sempre intrigata parecchio, si parla d'amore, si parla di sesso in maniera raffinata e mai volgare, tenendo legato sempre il doppio filo dei sentimenti che lega tutti noi.
Mira Nair evita accuratamente ogni cosa che potrebbe appesantire il film, e secondo me fa bene, mette sin dall'inizio due donne che saranno rivali una volta cresciute, prima amiche, poi si divideranno l'uomo che Tara sposerà, e che Maya userà prima delle nozze, facendo sesso con lui, ma pagherà il prezzo di quella sua scelta, quando capirà che la forza dei sentimenti spazza via tutto il resto.
Un film raffinato imperniato della sensibilità femminile di una regista che si conferma capace di raccontare una storia, e di tenere lo spettatore incollato alla poltrona, e scusate se è poco.
L'amore è bello e anche tragico, è questa la lezione che imparerà Maya sulla sua pelle, in quanto all'uomo che condivide con la sua ex amica ormai diventerà l'ombra di un essere umano preso dai vizi e dalla dissolutezza della sua posizione e invece di pensare al popolo pensa solo ai suoi piaceri, tutto diverso della grande lezione sulla vita e sull'amore che Maya ha imparato sulla sua pelle.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.