Passa ai contenuti principali

Peppermint Candy

Ma che ve lo dico a fare?
Ma andate a guardare questo film avete capito? Prima perchè è diretto da quel gran pezzo di regista che è Lee Chang-Dong e solo per il nome il film merita di essere visto, poi perchè è una storia allucinante e allucinata, che ripercorre la storia della Corea attraverso una storia d'amore.
Un gruppo di ragazzi si riunisce per un picnic, poi il protagonista decide di farla finita, e ripercorre la sua vita fino al punto in cui muore, e vede l'amore della sua vita, il tutto è raccontato a ritroso.

Forse e dico forse è il miglior film di Lee Chang-Dong un film che narra la storia della sua Corea attraverso gli occhi di un giovane che si innamora di una ragazza.
Certe volte è proprio nella banalità di una storia d'amore che si nasconde il vero fulcro di una storia narrata in maniera esemplare, come dico sempre io, una storia d'amore è il centro di una grande storia sempre.

Il tutto è narrato con al centro la tragedia di una nazione in guerra, che ha bruciato i sogni del protagonista e le sue aspirazioni.
Il suo amore perduto è al centro di una trama avvincente e mai banale, raccontata come fosse un diario pieno di pensieri da uno dei registi orientali più talentuosi di sempre.
Nonostante sia un argomento così duro Peppermint Candy è delicato come una piuma e leggero come l'aria, si guarda con facilità e ti resta impresso nella memoria per molto tempo.
Per me resta uno dei punti alti del cinema di Lee Chang-Dong anche se il mio preferito di sempre resta Oasis, comunque sia Peppermint Candy è un piccolo ma grande capolavoro assolutamente da vedere e rivedere e se volete anche da collezionare.
Consigliatissimo, e sapete che se vi consiglio un film voi dovete correre a vederlo no?
Voto: 9


Commenti

  1. Capolavoro assoluto :)
    E' stato uno dei primi film che vidi grazie alla comunity di Asianworld, ed ancora oggi a distanza di molti anni, riesco a vedere delle cose davvero notevoli grazie a loro.
    Grazie del post, mi hai fatto tornare in mente un sacco di bei ricordi :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.