Passa ai contenuti principali

I toni dell'amore - Love is Strange

Quando parliamo di omosessualità dobbiamo fare i conti con i tabù...specialmente qui in Italia dove ancora le coppie omosessuali non possono neanche sposarsi - che vergogna, stiamo ancora a credere alla chiesa piuttosto che ragionare in modo sensato e razionale, ma la gente preferisce credere a un serpente parlante, a una vergine incinta e a un figlio nato per virtù dello spirito santo piuttosto che capire le cose per quello che sono...ovvero tollerare ciò che si differenzia da ciò che viene definito "normalità" - e capire che questi tabù non sono solo in Italia.
La storia di questo film ne è un esempio lampante.

Una coppia omosessuale, il primo è professore in una scuola, il secondo insegna musica in chiesa, li conoscono tutti e sanno la loro situazione...quando poi decidono di sposarsi vengono spietatamente licenziati...da qui scattano un sacco di pregiudizi che sbalordiscono le persone che gli hanno vissuto accanto e che in un modo o nell'altro li hanno accettati...ma fino a che punto?
Nonostante tutti gli sforzi si vedono anche negata la casa che vogliono comprare, facendo si che  i parenti se li prendono nelle loro case.
Ma si sa, il pesce dopo tre giorni puzza, meglio cercare un ulteriore sistemazione, e così i nostri due amanti si trovano costretti a vivere separati - tutto grazie ai pregiudizi, fino a che un fatto sconvolgente toglierà loro il modo di stare insieme.
Un film contro ogni pregiudizio, che purtroppo non va oltre gli stereotipi del film che cerca la lacrima facile a ogni scena.
Per carità io sono favorevole ai matrimoni e alle adozioni gay, il punto però è un altro.
La società mondiale, anche se si è aperta a certe cose, ha ancora dei pregiudizi sugli omosessuali e il film li descrive con una stilizzazione un po' esagerata, che appesantisce il fluire della trama non che non ce ne siano pregiudizi, questi esistono da sempre ed esisteranno sempre.
La cosa che sconcerta è che il regista non ha saputo dare la giusta dose alla cosa, rimanendo impantanato nel filone tragico della storia, quando la storia stessa aveva molte potenzialità di riuscita.
Il film è riuscito a metà, e purtroppo non riesce a superare la media di valutazione pur avando infinite possibilità di essere più che un capolavoro.
Peccato:
Voto: 5


Commenti

  1. Vergogna.... Non l'ho ancora visto :/ Rimedierò!! ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Me lo sono perso al cinema, ma avevo letto che non era questo granché...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.