Passa ai contenuti principali

I toni dell'amore - Love is Strange

Quando parliamo di omosessualità dobbiamo fare i conti con i tabù...specialmente qui in Italia dove ancora le coppie omosessuali non possono neanche sposarsi - che vergogna, stiamo ancora a credere alla chiesa piuttosto che ragionare in modo sensato e razionale, ma la gente preferisce credere a un serpente parlante, a una vergine incinta e a un figlio nato per virtù dello spirito santo piuttosto che capire le cose per quello che sono...ovvero tollerare ciò che si differenzia da ciò che viene definito "normalità" - e capire che questi tabù non sono solo in Italia.
La storia di questo film ne è un esempio lampante.

Una coppia omosessuale, il primo è professore in una scuola, il secondo insegna musica in chiesa, li conoscono tutti e sanno la loro situazione...quando poi decidono di sposarsi vengono spietatamente licenziati...da qui scattano un sacco di pregiudizi che sbalordiscono le persone che gli hanno vissuto accanto e che in un modo o nell'altro li hanno accettati...ma fino a che punto?
Nonostante tutti gli sforzi si vedono anche negata la casa che vogliono comprare, facendo si che  i parenti se li prendono nelle loro case.
Ma si sa, il pesce dopo tre giorni puzza, meglio cercare un ulteriore sistemazione, e così i nostri due amanti si trovano costretti a vivere separati - tutto grazie ai pregiudizi, fino a che un fatto sconvolgente toglierà loro il modo di stare insieme.
Un film contro ogni pregiudizio, che purtroppo non va oltre gli stereotipi del film che cerca la lacrima facile a ogni scena.
Per carità io sono favorevole ai matrimoni e alle adozioni gay, il punto però è un altro.
La società mondiale, anche se si è aperta a certe cose, ha ancora dei pregiudizi sugli omosessuali e il film li descrive con una stilizzazione un po' esagerata, che appesantisce il fluire della trama non che non ce ne siano pregiudizi, questi esistono da sempre ed esisteranno sempre.
La cosa che sconcerta è che il regista non ha saputo dare la giusta dose alla cosa, rimanendo impantanato nel filone tragico della storia, quando la storia stessa aveva molte potenzialità di riuscita.
Il film è riuscito a metà, e purtroppo non riesce a superare la media di valutazione pur avando infinite possibilità di essere più che un capolavoro.
Peccato:
Voto: 5


Commenti

  1. Vergogna.... Non l'ho ancora visto :/ Rimedierò!! ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Me lo sono perso al cinema, ma avevo letto che non era questo granché...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.