Passa ai contenuti principali

Cake


No, non è un film sull'Elzheimer tranquilli, racconta la storia di una donna sopravvissuta a un incidente, che deve fare i conti con un altro dolore ben più terrificante.
Oggi è il giorno delle donne che hanno vissuto dolori eh? xD
Fermo restando che la cosa è solo un caso, trovo al quanto sorprendente la capacità di trasformarsi di un attrice che ritenevo bravina, in un ruolo difficile come ha fatto Jennifer Aniston.

Il suo personaggio che frequenta un gruppo di sostegno per superare la depressione causata dal dolore che poi il film rivelerà, e sarà una delle sorprese che non ti aspetti.
Comunque, dicevo, viene allontanata dal gruppo di sostegno, dopo le sue reazioni al suicidio di una dei componenti.
Forse questa reazione al quanto discutibile è stata liberatoria per lei, ma siccome è legata al suo dolore lo spettatore riesce a capire l'entità del suo dolore.
Un film complesso, che a differenza di Still Alice non buca lo schermo facendoti provare le emozioni della protagonista in maniera graduale, il suo vorrebbe essere un pugno nello stomaco capace di toccare le emozioni dello spettatore, e in parte ci riesce anche se non del tutto.
Dobbiamo riconoscere però la bravura di Jennifer Aniston, che per la prima volta affronta un ruolo complesso, senza però avere la maestria e lo charme di Julianne Moore ma comunque è brava, non si può non constatarlo.
Ad ogni modo il film è bello, piacevole a vedersi, non stanca mai pur non toccando vette considerevoli di altri capolavori del genere, e mostrando la poca originalità, ma questi di fronte alla straordinaria capacità del regista di raccontare la storia sono cose che passano in secondo piano, grazie a Dio.
Comunque sia è un fil da vedere, pur non essendo il memorabile capolavoro che ti aspetti.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

  1. Concordiamo sul voto.
    Troppo lieve per restare impresso, però lei molto brava.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.