Passa ai contenuti principali

Wild

Non poteva mancare il film al cinema oggi, ed eccovi accontentati, ultimo film di Jean Marc Vallè con una sorprendente Reese Whiterspoon, che come attrice è sempre stata carina, ma che finalmente ho potuto ammirare in un ruolo più profondo e intenso come quello che le ha regalato il regista.

E' un film complesso, di non facile fruizione, ma che una volta visto si dimentica difficilmente.
Molti lo hanno etichettato come la versione femminile di Into The Wild, secondo me in modo semplicistico, perchè primo: le storie sono profondamente diverse.
Secondo: sono SI due storie realmente accadute ma che raccontano di due solitudini diverse, il primo ovvero Into The Wild, sfuggiva dalla vita borghese e accomodante per cercare un percorso interiore.
Questo invece sfugge alla propria vita per dimenticare il doloroso passato.
Non c'è alcun dubbio che si tratta anche per questo film anche di un opera assolutamente straordinaria e sorprendente.
Anche se sinceramente per quanto possa essere forte il dolore,bisogna pur sempre affrontarlo, anche se vuol dire soffrire, anche se vuol dire perdere qualcuno che si ama, perchè nella vita c'è sempre speranza, ma, sfortunatamente parlando non tutti reagiscono al dolore alla stessa maniera.
Wild è un film che si adatta bene alle scelte delle persone che si presentano nella vita, anche se vuol dire allontanarsi per capire se stessi, anche se vuol dire sfuggire da un passato che ci ha tolto l'unica persona che avevamo e che contava per noi.
Alla fine è un percorso che capita un po' a tutti nella vita, chi non si riconosce nella protagonista probabilmente non ha fatto esperienze dure e terribili.
Con Wild Jean Marc Vallè cambia prospettiva e ci comunica un film capace di esprimere emozioni con pochissime scene, anche grazie alla sua bravura nel manovrare la macchina e alla costantemente presente protagonista, che può risultare un po' pallosa perchè la riprende in continuazione, ma a lungo andare si tratta di un percorso di viaggio di una persona, quindi o lo si accetta o si guarda un altro film.
Da menzionare anche Laura Dern nel ruolo della madre della protagonista.
Io ho amato questo film, e senza dubbio merita di essere visto e collezionato.
Voto: 7 e 1/2





Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.