Passa ai contenuti principali

Wild

Non poteva mancare il film al cinema oggi, ed eccovi accontentati, ultimo film di Jean Marc Vallè con una sorprendente Reese Whiterspoon, che come attrice è sempre stata carina, ma che finalmente ho potuto ammirare in un ruolo più profondo e intenso come quello che le ha regalato il regista.

E' un film complesso, di non facile fruizione, ma che una volta visto si dimentica difficilmente.
Molti lo hanno etichettato come la versione femminile di Into The Wild, secondo me in modo semplicistico, perchè primo: le storie sono profondamente diverse.
Secondo: sono SI due storie realmente accadute ma che raccontano di due solitudini diverse, il primo ovvero Into The Wild, sfuggiva dalla vita borghese e accomodante per cercare un percorso interiore.
Questo invece sfugge alla propria vita per dimenticare il doloroso passato.
Non c'è alcun dubbio che si tratta anche per questo film anche di un opera assolutamente straordinaria e sorprendente.
Anche se sinceramente per quanto possa essere forte il dolore,bisogna pur sempre affrontarlo, anche se vuol dire soffrire, anche se vuol dire perdere qualcuno che si ama, perchè nella vita c'è sempre speranza, ma, sfortunatamente parlando non tutti reagiscono al dolore alla stessa maniera.
Wild è un film che si adatta bene alle scelte delle persone che si presentano nella vita, anche se vuol dire allontanarsi per capire se stessi, anche se vuol dire sfuggire da un passato che ci ha tolto l'unica persona che avevamo e che contava per noi.
Alla fine è un percorso che capita un po' a tutti nella vita, chi non si riconosce nella protagonista probabilmente non ha fatto esperienze dure e terribili.
Con Wild Jean Marc Vallè cambia prospettiva e ci comunica un film capace di esprimere emozioni con pochissime scene, anche grazie alla sua bravura nel manovrare la macchina e alla costantemente presente protagonista, che può risultare un po' pallosa perchè la riprende in continuazione, ma a lungo andare si tratta di un percorso di viaggio di una persona, quindi o lo si accetta o si guarda un altro film.
Da menzionare anche Laura Dern nel ruolo della madre della protagonista.
Io ho amato questo film, e senza dubbio merita di essere visto e collezionato.
Voto: 7 e 1/2





Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.