Passa ai contenuti principali

Gemma Bovery

Martin appassionato di letteratura classica, in special modo delle opere letterarie di Flaubert, vede nei vicini i due eroi del suo romanzo preferito Madame Bovary. La cosa più curiosa è che il cognome della coppia di inglesi suoi vicini di casa è Bovery, e la moglie si chiama Gemma, così è deciso a stare vicino a loro affezionandosi soprattutto a Gemma, solo che lei non ha mai letto Madame Bovary, anche se i suoi comportamenti richiamano quelli dell'eroina letteraria di Flaubert.

Un film insolito, tratto dalla Graphic Novel di Posy Simmonds e sceneggiato da Pascal Bonitzer, il film Gemma Bovery sembra viaggiare a pari passo con il capolavoro di Flaubert in un immaginario quanto onirico binario, fatto di suggestioni ma soprattutto di coincidenze.
Il tutto ruota con la figura di Gemma di cui Martin si affezionerà, equiparandola all'eroina di Flaubert.
Di colpo la finzione del romanzo si traduce nella realtà, in un continuo gioco di specchi che la regista traduce brillantemente per lo schermo.
Come film è piacevole, e sembra fare vivere lo spettatore in una atmosfera da sogno e letterale, dove non si capisce dove comincia la finzione che si incontra con la realtà, certo ha calcato un po' la mano e si vede, ma sinceramente parlando con tante cavolate che si vedono in giro questo film è davvero fatto bene, pur non toccando i vertici assoluti dell'opera memorabile.
In pratica è un film che si  beve come un bicchiere d'acqua fresca, nonostante i piccoli difetti si fa volere bene, e che volete di più dalla vita?

Il film è divertente e coinvolgente, e cerca la passionalità di un classico nella letteratura attraverso la figura di Gemma, che vive la sua vita come le pare, nonostante Martin riconosce in lei lo spirito di Emma Bovary, anche se poi lei dimostra di avere una personalità tutta sua.
Il film gioca come un incrocio di specchi, in cui le due personalità delle protagoniste prendono vita e si incrociano, regalando un opera coinvolgente che incolla gli spettatori alla poltrona...e scusate se è poco.
In conclusione, è un film che si fa volere bene come ho detto pocanzi.
Senza infamia e senza lode.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

  1. Concordo, e poi Gemma è bellissimi-missima ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.