Passa ai contenuti principali

San Andreas

Ed eccocci all'appuntamento coi film che fanno al cinema, oggi è il turno di recensire San Andreas, ultimo film con Dwayne Johnson protagonista.
Non è niente male come film di intrattenimento, a me è piaciuto, ma deve essere preso per quello che è, senza aspettarsi chissà quale capolavoro della cinematografia mondiale.
Preso per quello che è di diverte, e ti intrattiene per tutte le due ore della sua durata, ma in quanto alla qualità oggettivamente parlando, - perchè una recensione non deve esprimere solo il parere di chi la scrive ma ammettere anche la qualità del film - è un giocattolone iperbolico che non rimane impresso nella memoria.

Si può guardare come insolito spettacolo di intrattenimento, ma si capisce che non è uno di quei film che faranno la storia del cinema.
Troppo prodotto da soldi facili, troppo film costruito a puntino per incassare, senza un anima che lo renda degno di essere ricordato.
Insomma in poche parole vi può piacere per una serata senza troppe pretese, tanto per passare tempo, giusto per staccare la spina tra una visione impegnativa e l'altra, d'altronde se non facciamo anche questo non possiamo concentrarci meglio su opere meritevoli no?
Fermo restando che le opere meritevoli dovrebbero avere ampio spazio nei nostri blog, invece di questa robetta.
Fermo restando che, con tutti i suoi limiti non può essere un film da buttare via, non mi ha schifata, anzi, l'ho trovato abbastanza coinvolgente per essere un film di puro intrattenimento gli vuoi bene certo ma non lo ricordi mettendolo nei film che hanno influenzato la vita, questo è poco ma sicuro
In compenso non me la sento di bocciarlo totalmente, perchè nonostante tutto resta un film senza infamia e senza lode.
A parte questo però dobbiamo dire che anche la storia che è maggiormente curata rispetto ai film dello stesso filone, perciò senza dubbio una sbirciatina la merita di sicuro, così tanto per passare tempo.
Voto: 6



Commenti

  1. Tremendo che i film di Rolando Emmerigo abbiano fatto scuola... :/ Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.