Passa ai contenuti principali

Leviathan

Non c'è limite all'avidità umana punto.
E' questa la tematica di questo straordinario film, che ripercuote il tema di due esseri umani, il primo è un politico corrotto, che intende togliere la proprietà a un pover'uomo per arricchirsi, l'altro è il pover'uomo che si vede da un giorno all'altro togliere il futuro da un uomo avido incapace di mettere un freno a quello che può ottenere.



Un film drammatico e sentito, diretto da un autore che intende far riflettere il pubblico che vede il suo film.
Non è facile guardare un film e riflettere, perchè di solito si è tentati di , prendere patatine e popcorn, e mangiucchiarli senza pensare, e guardare i film per puro divertimento.
Questo film, invece come tutta l'arte ritenuta tale, mette lo spettatore in grado di pensare con la sua stessa, e di soffermarsi sulla dignità umana, e l'incapacità data dall'avidità di possedere e togliere agli altri, senza tenere conto che il posto che il politico vuole, ha una storia, c'è una famiglia che ci vive e ci sono i loro ricordi.
Questo politico gliene fa passare di tutti i colori pur di ottenere quello che vuole, con mezzi leciti e illeciti, qualsiasi cosa va bene pur di avere quello che vuole.
Il padrone di quel terreno mostra invece più spina dorsale di lui, anche se deve fare i conti con la sua fedina penale non proprio immacolata.
Ma tra il politico corrotto, che imbroglia sempre, e un uomo che una volta sola ha sbagliato ci sta un abisso sconfinato.
Non si ferma davanti a nulla, e anche il proprietario di quella terra, dove ha la casa non ha intenzione di cedere, chi la spunterà?
In un crescendo di tensione, il regista ci fa capire quato la tragedia della avidità umana fa indignare più della persona che possiede quel pezzo di terra.
Un film drammatico duro, potente a tratti spietato, che non si ferma davanti a nulla pur di gridare il suo disgusto per l'ingiustizia narrata.
Ma così va il mondo non è questo che ci dicono?
Ma la dignità umana non ha alcun prezzo di fronte a certe cose, e il regista con il personaggio del proprietario terriero ce lo fa notare.
Non è un film banale o fuorviante, è un opera che fa pensare, che fa riflettere sulla natura umana, lo spettatore alla fine del film capisce, che il mondo gira perchè ci sono sempre persone potenti che devono manovrare il tutto decidendo i destini degli altri.
Ma così va il mondo non è vero?
Voto: 9


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.