Passa ai contenuti principali

Leviathan

Non c'è limite all'avidità umana punto.
E' questa la tematica di questo straordinario film, che ripercuote il tema di due esseri umani, il primo è un politico corrotto, che intende togliere la proprietà a un pover'uomo per arricchirsi, l'altro è il pover'uomo che si vede da un giorno all'altro togliere il futuro da un uomo avido incapace di mettere un freno a quello che può ottenere.



Un film drammatico e sentito, diretto da un autore che intende far riflettere il pubblico che vede il suo film.
Non è facile guardare un film e riflettere, perchè di solito si è tentati di , prendere patatine e popcorn, e mangiucchiarli senza pensare, e guardare i film per puro divertimento.
Questo film, invece come tutta l'arte ritenuta tale, mette lo spettatore in grado di pensare con la sua stessa, e di soffermarsi sulla dignità umana, e l'incapacità data dall'avidità di possedere e togliere agli altri, senza tenere conto che il posto che il politico vuole, ha una storia, c'è una famiglia che ci vive e ci sono i loro ricordi.
Questo politico gliene fa passare di tutti i colori pur di ottenere quello che vuole, con mezzi leciti e illeciti, qualsiasi cosa va bene pur di avere quello che vuole.
Il padrone di quel terreno mostra invece più spina dorsale di lui, anche se deve fare i conti con la sua fedina penale non proprio immacolata.
Ma tra il politico corrotto, che imbroglia sempre, e un uomo che una volta sola ha sbagliato ci sta un abisso sconfinato.
Non si ferma davanti a nulla, e anche il proprietario di quella terra, dove ha la casa non ha intenzione di cedere, chi la spunterà?
In un crescendo di tensione, il regista ci fa capire quato la tragedia della avidità umana fa indignare più della persona che possiede quel pezzo di terra.
Un film drammatico duro, potente a tratti spietato, che non si ferma davanti a nulla pur di gridare il suo disgusto per l'ingiustizia narrata.
Ma così va il mondo non è questo che ci dicono?
Ma la dignità umana non ha alcun prezzo di fronte a certe cose, e il regista con il personaggio del proprietario terriero ce lo fa notare.
Non è un film banale o fuorviante, è un opera che fa pensare, che fa riflettere sulla natura umana, lo spettatore alla fine del film capisce, che il mondo gira perchè ci sono sempre persone potenti che devono manovrare il tutto decidendo i destini degli altri.
Ma così va il mondo non è vero?
Voto: 9


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.