Passa ai contenuti principali

Tre Cuori

Ed eccoci a recensire questo Tre Cuori, uno degli ultimi film interpretati dalla sempre bravissima Charlotte Gainsbourg, qui nelle vesti di una donna che incontra per caso un uomo, tra loro scocca la scintilla e si danno appuntamento per il giorno dopo in un parco.
Ma il caso e il destino non permette loro di incontrarsi, tempo dopo lo stesso uomo si innamora della sorella della donna che ha incontrato per caso, stesso modus operandi, i due mettono su famiglia e quando reincontra la donna con cui si doveva incontrare nel parco riesplode una passione che va oltre le cose che hanno immaginato.
Come informare la moglie che il suo maritino è innamorato di un altra e che l'altra è sua sorella?

Film molto bello, particolare che sottolinea la difficoltà di chi ha il cuore diviso a metà.
Brava Charlotte Gainsbourg come anche la Deneuve, mentre Chiara Mastroianni non mostra nessun tipo di bravura nella recitazione, non è che il suo ruolo richiedesse particolari doti, soprattutto all'inizio, poi verso il finale si riprende un po' anche se resta un po' anonimo.
Ma il vero fulcro della storia è Charlotte Gainsbourg, senza di lei il film sarebbe anonimo e vuoto, e mentre Catherine Deneuve gigioneggia un po' nel suo ruolo di madre, glielo dobbiamo concedere dopotutto no?
Sua figlia sa rendere il personaggio di moglie ben calibrato pur non mostrando doti recitative spiccate.
Nonostante tutto è un film che si lascia vedere bene, e non mostra nessun tipo di scontatezza.
I sentimenti dei protagonisti sono veri, reali, mostrati forse in punta di piedi ma si sentono sulla pelle.
Mi è piaciuto, soprattutto perchè nonostante la trama non sia particolarmente originale, mostra dei personaggi in cui è facile identificarsi, sia nella moglie, sia nell'amante/sorella.
Si capisce sin da subito che c'è stato un certo feeling tra le protagoniste, anche se all'inizio non ci si accorge di questo.
Anche il ruolo del marito che di punto in bianco scopre che la sorella è in realtà la donna a cui aveva dato appuntamento al parco e poi non si è fatta vedere è molto bello, i suoi sentimenti sono autentici, si nota un certo dolore legato ai sentimenti che vogliono esplodere ma che si ha paura di esprimerli, sia da parte della sorella che da parte sua.
Una particolare novità rispetto a film del genere, che certe volte risultano abbastanza scontati e poco credibili.
Guardatevelo.
Voto: 7




Commenti

  1. il cinema francese è dualista.
    o mi piace moltissimo o mi rende molto nervosa, per la sua lentezza e per la sua essenza così cervellotica...
    i protagonisti sono tutti pregevoli attori... mi sa che do una possibilità al film

    RispondiElimina
  2. Charlotte Gainsbourg... mi basta lei per voler vedere un film ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.