Passa ai contenuti principali

Cold in July

Cold in July è un film che non si dimentica facilmente.
Basterebbe questo per convincervi a guardarlo?
Innanzitutto fossi in voi farei di tutto per visionarlo, non importa come.
La trama racconta di un uomo che uccide un altro uomo che si è introdotto a casa sua per legittima difesa, ma il padre di quest'ultimo si presenta per chiedere vendetta.
La verità che raffiorirà riserverà ben altre sorprese che riveleranno una realtà ben diversa da come ci si immaginava.

In poche parole: Un filmone.
Uno di quei film che di devono per forza vedere, non c'è altro modo da fare.
Primo perchè è passato in sordina uscendo solo da pochi mesi nelle sale, a parte questo però dobbiamo dire che mi è piaciuto.
C'è il confronto con due uomini che devono fare i conti con i loro demoni personali, e non è affatto facile, ci sono segreti che vengono alla luce quando meno te l'aspetti e che portano verità che non immaginavi.
Poi c'è il rimorso di coscienza per una vita spezzata.
Beh, a conti fatti se questo soggetto l'avesse avuto nelle mani un regista con poca esperienza ne avrebbe fatto un accozzaglia inconcludente.
Jim Mickle invece ne fa un piccolo capolavoro, e scusate se è poco.

Tutto è costruito secondo una precisa logica, intimista, lenta come una ballata di morte, i due protagonisti sembra che stiano per affrontare il giudizio divino sui loro peccati.
Non c'è niente che lasci pensare che la verità sia molto più agghiacciante di quanto ci aspettiamo.
E invece...invece è ancora più allucinante.
Niente è mai come sembra, e le persone non sono mai come appaiono.
Segreti e bugie si celano in quella piccola cittadina che non ha nulla di innocente, in pratica sono tutti colpevoli, forse, e dico forse...l'unico innocente è proprio l'uomo che ha difeso sparando allo sconosciuto che è entrato a casa sua.
Anche lui deve fare i conti con il senso di colpa del gesto che ha fatto.
Immenso.
Voto: 9


Commenti

  1. Concordo su tutto, filmone, mi frego le mani per la serie di Hap & Leonard sempre curata dal buon Jim Mickle, non vedo l'ora! ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.